Recupero Password
Zone di espansione a Molfetta, nuove denunce: bambino aggredito da un cane Proliferano topi e ratti con grande pericolo per la salute delle famiglie che si sono insediate nell'area
16 dicembre 2008

MOLFETTA - Oltre alle denunce inviate nei commenti alla notizia di ieri e all'allarme lanciato da “Quindici” per i disagi nelle nuove zone di espansione a Molfetta per la mancanza delle opere di urbanizzazione, dalla sporcizia e dall'insicurezza in cui vivono queste famiglie molfettesi, ci è pervenuta da un lettore di “Quindici”, Francesco Ferrieri, un'altra denuncia che vi proponiamo, a conferma della colpevole inerzia e del silenzio dell'amministrazione comunale. «Gent.ssimo Direttore, cari lettori, desidero associarmi a tutte le lettere-denuncia sulla precaria situazione che stanno vivendo gli abitanti della zona di espansione di Molfetta, nella nuova 167precisamente, poichè partirà a giorni una lettera raccomandata diretta al Comune di Molfetta, con la speranza che i signori amministratori rispondano con gli opportuni provvedimenti! Aggiungo che in detta zona, gli abitanti lamentano da tempo una condizione di assoluta precarietà, nonchè timore per la presenza di ratti e randagismo. Tale situazione viene aggravata dal fatto che vivono in tale zona molti bambini, uno dei quali ha subito una vera e propria aggressione riportando una ferita profonda ad un dito della mano. I cani randagi si aggirano in quella zona indisturbati e molto spesso risultano aggressivi, vuoi perchè malnutriti, vuoi perchè richiamano altri cani con spaventosi ululati. In aggiunta Vi voglio far presente che in una delle palazzine situate alle spalle dell'ospedale, uno dei condomini, nel mentre si accingeva ad aprire il suo box auto, si vedeva davanti a sè un ratto di enormi dimensioni. E' palese che tale animale possa provenire da una delle fogne sottostanti la palazzina di quella zona o dai locali ormai dismessi da decenni dell'ex pastificio, abbandonato a sè stesso, situato nei pressi della nuova zona. Il ratto comune, sappiamo, è un mammifero estremamente adattabile a qualsiasi ambiente, in grado di cibarsi di qualsiasi sostanza anche non alimentare, ed è dotato di particolare intelligenza, aggressività e ferocia tale da attaccare animale e direttamente anche l'uomo. L'habitat del ratto lo rende vettore di pericolose malattie virali e batteriche che può facilmente trasmettere all'uomo. A fronte di questa assoluta precarietà e assenza di misure igienico-sanitarie da parte dell'Amministrazione, i bambini che vivono in detta zona, e sono tanti, sono costretti a rimanere nelle proprie case invece di usufruire del cortile di casa per attività ludiche o semplicemente per andare al bar, o tabaccheria. Hanno paura perchè temono di trovare un ratto o un cane. Ringrazio la redazione per l'attenzione, sperando che anche tale denuncia venga pubblicata, affinchè tutta la cittadinanza sia informata di quello che succede a Molfetta. Cordiali saluti Francesco Ferrieri - Molfetta
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""




Cari signori/e, io vivo nella 167 dal lato opposto di Via terlizzi e anche i miei figli possono difficilmente scendere giu' a giocare. Le auto sfrecciano a velocita' incredibile.E' noto l'incrocio vicino al giudice di pace almeno 2/3 incidenti al giorno.Dei cani (non randagi) e' meglio non parlare perche' i loro esc.. sono ovunque e non e' colpa dell'asm(almeno stavolta).I problemi sono gli stessi anche a Via baccarini dove non e' raro trovare topi. Adesso mi/vi chiedo una cosa. In una zona senza strade con camion che continuano a trasportare materiale inerte e polvere ovunque , vedo belle lenzuola bianche stese ai balconi. Come si e' potuto andar a vivere in queste situazioni? Beh mi sono risposto da solo. L'ho fatto anch'io quando la vecchia 167 aveva gli stessi problemi,peccato che non mi sono lamentato con nessuno e ho atteso circa 10 anni per vedere ottimizzare le strutture. Spero per voi non ci voglia tanto tempo, ma non credo sia stata l'amministrazione che non mi vede suo sostenitore a essere lassista perche' prima ce n'erano altre e i problemi gli stessi. Ora facciamo interrogare Amato e Minuto su tutto quel che vogliono , ma prima loro dov'erano. Circa 10 anni di politica alle spalle se non erro e problemi che prima non pensavano neppure esistessero. Grazie per l'attenzione e scusate se mi sono dilungato, nessun allusione e contestazione con gli opinionisti ai quali auguro un Buon Natale e un Nuovo Anno con una citta' vivibile e diversa da quella che ci appare adesso.





Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet