Recupero Password
Voci incontrollate, tutti in attesa della sentenza del Consiglio di Stato. Giovedì consiglio comunale
11 febbraio 2014

MOLFETTA - Voci incontrollate, tutti in attesa della sentenza del Consiglio di Stato. Giovedì 13 febbraio in Consiglio Comunale liquidazione società porto Il primo aggiornamento giornaliero sul sito del Consiglio di Stato in merito al ricorso elettorale presentato dal Comune di Valenzano sulla convalida delle liste con firme dei consiglieri provinciali, sentenza da cui dipendono indirettamente anche le sorti dell’amministrazione Natalicchio coinvolta in un analogo ricorso, alle 9.19 riporta ancora la dicitura: “Redazione del provvedimento”.
La stessa che è lì da circa tre settimane in cui non è mancato il rincorrersi di voci, tutte che anticipavano una decisione che tarda inspiegabilmente ad arrivare. Da parte di alcuni consiglieri di opposizione, tuttavia, il ritorno alle urne per Molfetta appare scontato, e ieri qualcuno l’ha anche “cantato” in commissione…
Da dove derivi tutta questa certezza è difficile dirlo, gli avvocati non parlano e le fughe di notizie in materia di giustizia, sono sempre pericolose. Ma intanto nemmeno il senatore Azzollini si risparmia una uscita pubblica. Domenica volantinava con i fedelissimi del Nuovo Centro Destra a Corso Umberto. Insomma questa volta non vuole farsi trovare impreparato per una eventuale campagna elettorale.
Intanto l’amministrazione procede con l’adozione di provvedimenti e iniziative pubbliche. A sorpresa arriva anche la convocazione urgente di un Consiglio Comunale. Il Presidente Nicola Piergiovanni ha convocato presso l’Aula Consiliare “G. Carnicella” tutti i consiglieri giovedì 13 febbraio 2013 alle ore 8.00. Forse non sarà un caso, considerando che giovedì è nuovamente fissata al Tar Puglia l’udienza sul ricorso per la validazione delle firme. Dal tribunale amministrativo dopo due rinvii potrebbe arrivare la sentenza di scioglimento proprio mentre sono tutti lì in consiglio comunale. L’immediato deposito del ricorso in Consiglio di Stato da parte dell’avvocato Pellegrino, come avvenuto a Valenzano, potrebbe sospendere i termini e dunque si tornerebbe ad attendere la decisione dei giudici superiori.
Tre i punti all’ordine del giorno. La nomina nuovo Collegio dei Revisori dei Conti per il triennio 2014, 2015 e 2016. Che, come prevede la legge, sono stati sorteggiati telematicamente dall’albo regionale istituito presso la Prefettura. Non dovrebbero esserci molfettesi. Un procedimento che toglie la discrezionalità con la quale negli ultimi anni sono stati selezionati i revisori, il cui parere è obbligatorio ma non vincolante per l’approvazione del bilancio.
Il secondo punto è lo scioglimento anticipato della Società a Responsabilità Limitata a Socio Unico "Molfetta Porto". Come già anticipato dal sindaco un taglio agli sprechi per la società che avrebbe dovuto gestire autarchicamente i traffici del costruendo porto, ma che resterà alle cronache solo per la nomina del suo primo presidente, Antonio Camporeale, storico compagno e amico personale del senatore Azzollini che lo ha poi candidato e fatto eleggere al Consiglio Regionale.
Terzo punto, su richiesta dei Consiglieri di minoranza, l’abolizione dei valori ISEE per il Servizio Mensa Scolastica a seguito della Sentenza TAR Toscana, n.559 dell'11/0412013. Valori che hanno permesso l’istituzione di un criterio di equità, secondo indici di reddito, nelle tariffe della mensa che tuttavia la minoranza ha ancora intenzione di contestare.
Cosa succederà dopo il 13 in caso di sentenza negativa per l’amministrazione Natalicchio? Per tornare al voto in primavera con le Elezioni Europee, evitando così alla città un commissariamento di oltre un anno, non basterebbero più le sole dimissioni del Sindaco, che sarebbero valide dopo 20 giorni e quindi oltre fine mese, termine ultimo per i Comuni per rientrare nella prossima finestra elettorale. Sarebbero necessarie anche le dimissioni dei consiglieri comunali, che renderebbero immediato l’arrivo del Commissario prefettizio.
Dunque nessuna sfiducia, ma solo una opportunità per andare subito al voto. Sempre che nel frattempo venga pubblicata la sentenza del Consiglio di Stato.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""







Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet