Recupero Password
Giovanni Infante, candidato sindaco di Rifondazione Molfetta: Più forte di così: Sviluppo, Innovazione, diritti dei lavoratori, tutela ambientale
Giovanni Infante
31 maggio 2022

MOLFETTA - Lo sviluppo economico di Molfetta non può prescindere da un ruolo trainante delle realtà industriali della zona ASI e PIP. L’amministrazione uscente ha ritenuto che le direttrici di investimento per il futuro della città fossero ben altre, rinunciando ad un ruolo attivo del pubblico nel rilancio delle attività produttive - scrive la lista "Più forte di così" a sostegno del candidato sindaco di Rifondazione, Giovanni Infante -.

Noi immaginiamo una città diversa, in cui lo sviluppo e l’innovazione tecnologica vadano di pari passo con i diritti dei lavoratori e la tutela dell’ambiente.

Per questo proponiamo che la prossima amministrazione si impegni nel sottoscrivere specifiche convenzioni con l’Università e il Politecnico di Bari per avvicinare il mondo accademico alle realtà produttive del nostro territorio. Serve fare rete per intercettare i fondi comunitari destinati alla ricerca e sviluppo e accrescere le competenze e le potenzialità delle nostre imprese, portando occupazione di qualità e sviluppo a lungo termine nell’ambito della meccanica, dell’agroalimentare e non solo.

Tutto questo è possibile immaginando un Osservatorio permanente tra Comune, sindacati e datori di lavoro, in cui l’ente comunale agisca come soggetto di controllo per garantire la sicurezza e la salubrità sui posti di lavoro, e come tramite tra l’imprenditoria locale e sistema dell’istruzione e formazione.

Un luogo istituzionale, insomma, in cui si concerti uno sviluppo sostenibile e rispettoso delle condizioni di chi lavora e dell’ambiente, in cui l’amministrazione possa dire la sua sulle numerose crisi aziendali che vive il nostro territorio, a sostegno di quelle lavoratrici e lavoratori troppo spesso lasciati soli.

Sviluppo sostenibile appunto e rispettoso della peculiarità del territorio, per questo siamo contrari al maxi progetto di mitigazione idraulica della zona PIP da oltre 25 milioni di euro, progetto ad altissimo impatto ambientale e paesaggistico, che non risolve il problema del rischio idrogeologico dell’area.

Si sarebbe potuto fare di più e meglio, prendendo seriamente in considerazione le proposte alternative, che prevedevano di ristabilire il corso naturale delle lame, con opere meno impattanti, meno costose e più funzionali.

Il nostro impegno è nella costruzione di un’economia che sia più di così, pensando un modello di sviluppo che metta al centro le persone, le loro professionalità e la tutela dell’ambiente.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet