Recupero Password
Cortometraggio degli studenti della Pascoli e Vespucci sulla Grande Guerra
15 novembre 2015

In occasione della celebrazione del 4 novembre, i ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Pascoli” e gli studenti dell’istituto “Vespucci” con la collaborazione di Sergio Ragno dell’Associazione Eredi della Storia di Molfetta hanno realizzato un cortometraggio sulle vicende civili del primo conflitto mondiale nella città di Molfetta. In particolare viene affrontata la vicenda del bombardamento del 27 luglio 1916, con dovizia di particolari e documenti inediti d’archivio, frutto delle ricerche del prof. Saverio Binetti. Gli studenti dei due istituti coinvolti nel progetto interpretano episodi realmente accaduti nel corso del primo conflitto mondiale, desunti da documenti inediti d’archivio. Le ultime ricerche storiche e i documenti privati emersi in occasione del centenario dell’Intervento italiano nel Primo Conflitto Mondiale hanno definitivamente sfatato l’opinione che le operazioni belliche siano state limitate soltanto alla zona del fronte nord orientale, col nemico austroungarico. Il governo in quel periodo operando sistematicamente sul controllo di censura che vietava di pubblicare sui giornali notizie deprimenti, teneva sistematicamente nascoste all’opinione pubblica le numerose incursioni aeree e navali degli austriaci sulla costa adriatica. Soprattutto le coste della Terra di Bari, ricche ed attive nel commercio marittimo, furono l’obiettivo degli attacchi nemici, non adeguatamente contrastati dalla Regia Marina. La difesa veniva spesso demandata all’iniziativa delle amministrazioni comunali che dovevano talvolta suggerire ai comandi militari le soluzioni per contrastare gli attacchi austriaci. Dichiarando guerra all’impero austroungarico, il Governo non aveva considerato quanto potesse essere esposto il versante adriatico alle rappresaglie nemiche. Soprattutto la costa pugliese, così vicina a quella avversaria, era un bersaglio fin troppo semplice da colpire. Ma soprattutto nessuno aveva calcolato quanto ciò potesse costare alla florida economia di Terra di Bari che aveva nella pesca e nel commercio con i porti austriaci la sua maggiore risorsa. È singolare il destino della Terra di Bari. Nel regno borbonico aveva un ruolo centrale ed era di gran lunga la regione più produttiva e dinamica del regno. Con l’impresa dei Mille e la nascita del Regno d’Italia venne commissariata, spogliata dei suoi beni demaniali che sorreggevano l’economia agricolo pastorale, privata di gran parte dei ricchi mercati, tartassata per la produzione interna e le esportazioni. Con lo scoppio del primo conflitto mondiale la regione vide definitivamente crollare la propria economia. Prima con la fine del commercio nell’area del golfo di Venezia, area di guerra ad ovest e territorio nemico ad est, poi con il blocco della pesca. Crollo dei prezzi dell’olio, mancanza di derrate alimentari derivanti dalla pesca e danni gravissimi alle imbarcazioni ed ai porti. 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet