Recupero Password
Compostaggio, Legambiente chiede al Comune di Molfetta e alla Provincia che riprenda a funzionare L'impianto deve però agire nella legalità e nell'interesse della collettività
07 ottobre 2007

MOLFETTA Il circolo "Legambiente di Molfetta torna ad occuparsi dell'impianto di compostaggio, chiedendo al Comune e alla Provincia la ripresa dell'attività: "L'impianto di compostaggio (foto) sito in contrada Torre di Pettine - dice Legambiente - è ormai da molti anni al centro di una vicenda che ha interessato le cronache e i tribunali: un impianto che avrebbe dovuto produrre ricchezza per la collettività è diventato una fonte di rischio per la salute dei cittadini. Trasformare in compost una parte dei rifiuti urbani significa risparmiare sulle spese del conferimento in discarica (soldi che i cittadini molfettesi pagano a Trani) e disporre di un prodotto che, se ben fatto, può risultare vantaggioso per l'ambiente e per l'economia comunale. L'impianto, invece, come è stato messo in evidenza nella sentenza dello scorso marzo del Tribunale di Trani-Sezione di Molfetta n. 50/07, è stato autorizzato dalla Provincia per una capacità superiore rispetto a quella di trattamento ed è stato gestito in modo illecito dalla società concessionaria, la “Ing. Orfeo Mazzitelli” s.p.a. Nonostante il pronunciamento del Giudice Penale, che ha condannato la Società ed il suo Amministratore, sembra che nulla sia cambiato per Comune e Provincia. Legambiente, che già si era costituita nel procedimento a difesa della salute dei cittadini, chiede con due atti distinti a Provincia e Comune di uscire dallo stato di inspiegabile letargo. In particolare, ha chiesto ripetutamente al dirigente del Settore Rifiuti della Provincia di Bari il riesame e l'annullamento dell'autorizzazione rilasciata alla Mazzitelli s.p.a., in quanto sovradimensionata rispetto alla capacità dell'impianto e più volte violata e disattesa dalla Concessionaria. All'Amministrazione comunale, con osservazioni depositate il 25.9.2007, Legambiente chiede di rigettare l'incredibile richiesta di ampliamento dell'impianto, inoltrata dalla Mazzitelli s.p.a. in data 28.2.2007 e integrata il 5.7.2007, sia perché il Comune non ha alcuna competenza in materia di autorizzazione di nuovi impianti per il trattamento dei rifiuti (atto che spetta invece alla Provincia), sia perché l'istanza della Concessionaria risulta in contrasto con quanto stabilito dalla transazione da questa sottoscritta unitamente al Comune e all'ASM il 16.12.2006, rispetto alla quale la Mazzitelli s.p.a. risulta inadempiente".
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet