Recupero Password
Trabocchetti per ingannare i consumatori tra pubblicità e falsi ribassi
10 settembre 2016

MOLFETTA - Caro Direttore, in una rubrica di un quotidiano nazionale, leggo un gustoso articoletto, a firma di un noto giornalista che denuncia le sue disavventure con il ...sistema d'allarme (ultimo grido, super sofisticato) che ha installato a protezione della sua abitazione. Tale sistema prevede che il "SISTEMA" lo informi, attraverso un messaggino - un  'sms' sul suo cellulare, che qualcosa o qualcuno sta violando la sua proprietà. L'inconveniente che denuncia è che - il 'sistema' - oltre a fare il proprio dovere: informarlo di eventuali violazioni, fa anche altro: gli invia con notevole frequenza, dei messaggini - SMS, appunto - con proposte commerciali ed altro. Dove è l'inconveniente? L'inconveniente, serio, oserei dire, consiste nel fatto che questi messaggini - si badi bene - NON RICHIESTI E, credo, NEANCHE DESIDERATI DALL'INTERESSATO, consumano credito sulla "SIM" di cui è dotato il sistema d'allarme, per segnalare le eventuali effrazioni (ed i suddetti messaggini)!

Ieri pomeriggio, sono stato contattato da un numero telefonico ignoto (prefisso: 02 ...): un Operatore dichiara di parlare a nome e per conto di ENI (che fornisce il gas metano alla mia abitazione). Mi annuncia che ENI sta mettendo in atto un ..."adeguamento tariffario in mio favore" . Interessato, chiedo se l'adeguamento è al ribasso della tariffa. La risposta pronta è: "certo che è al ribasso"! Allora lo autorizzo ad effettuare l'adeguamento (come si può rifiutare una tale graziosa cortesia, neanche  richiesta?).

L'Operatore però, gela le mie aspettative dicendomi che è necessario che "mi spieghi"....

Con tono fermo e gentile gli chiedo che cosa ci sia da spiegare, in una diminuzione di tariffa che non è stata richiesta, ma che mi viene - ripeto - graziosamente concessa? Anche perché, continuo, quando ENI effettua ritocchi e/o adeguamenti tariffari al rialzo, non è che io e penso nessuno degli altri Utenti, riceviamo spiegazioni di sorta. L'Operatore chiude la comunicazione (...cade la linea?)

L'amara morale che si può trarre da questi piccoli eventi è che esiste evidentemente, ad onta delle varie AUTORITIES che dovrebbero vigilare in casi - piccoli - come quelli descritti o più importanti, sulla corretta applicazione di una sorta di par condicio (di fatto, inesistente - fra il Fornitore di beni e/o servizi e l'Utente), un coacervo di trabocchetti che minano la fiducia dei Consumatori, i quali sono a volte, inermi contro queste che si possono considerare autentiche vessazioni.

© Riproduzione riservata

Autore: Tommaso Gaudio
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet