Recupero Password
Tommaso Minervini interviene nel dibattito politico: “Le istituzioni vengono prima di tutto”
02 aprile 2006

MOLFETTA – 2.4.2006 Non ci sta Tommaso Minervini (nella foto), ex sindaco della città e ricandidato alla carica di primo cittadino alle elezioni del prossimo maggio, a farsi trascinare in quelle che ha definito “polemiche da bassa cucina” e lo ribadisce con chiarezza in un intervento fatto pervenire a tutti gli organi di informazione locale. “Sembra proprio che questa campagna elettorale per il rinnovo delle istituzioni molfettesi – scrive Tommaso Minervini – debba trascinarsi nella violenza, nelle ingiurie, nelle minacce, nei rancori, nelle falsità. Confermo quello che ho sempre detto. Non ci sto”. E così, dopo le dichiarazioni ed i commenti diffusi da diversi esponenti politici locali all'indomani della caduta della sua amministrazione a seguito delle sue dimissioni e di quelle di sedici consiglieri comunali, Tommaso Minervini indica quello che dovrebbe essere il metodo da adottare in questa campagna elettorale che si preannuncia già molto accesa. “Continuerò ad usare il metodo non violento del ragionamento, delle ragioni delle Istituzioni prima di tutto, delle passioni e dei problemi concreti e di prospettiva della Comunità, prima di tutto”. Ed è a tutti i candidati sindaci, compreso se stesso, che l'ex primo cittadino si rivolge: “A tutti i candidati sindaci a cominciare da me stesso voglio dire: Accettare il confronto democratico, seppure si siano fatte scelte diverse è la espressione fondamentale degli uomini autenticamente democratici. Non fosse altro perché nella cultura democratica tutti possono e debbono essere utili alla comunità ed alle istituzioni. Io non considero né voglio considerare nessuno come nemico, ma solo una energia diversa, ma concorrente ai problemi della città, al prestigio delle Istituzioni, a suscitare le passioni genuine dei giovani”. “I rancori personali – prosegue Tommaso Minervini – da anni covati e con soddisfazione viscerale oggi ostentati, con alcune dichiarazioni pubblicate, sono la conferma di personalità insicure, mai formatesi ai grandi orizzonti della fatica politica e fondate solo sulla propria autostima. La politica a Molfetta ha bisogno di valori umani che sappiano comprendere i grandi scenari del futuro, che sono al di là di singoli uomini e dei propri veleni viscerali, che hanno obnubilato il messaggio sul futuro. Eppure si dovrebbe sapere e bene quale funzione hanno le 'sentinelle del mattino', rispetto alla 'sentinella seduta sul letto del fiume' ”. “I minestroni riscaldati, – continua il comunicato dell'ex sindaco – parolai ed insulsi sulla fine indecorosa, spuria, leghista, (fa tenerezza osservare l'isteria prodotta in costui da un gruppo, finalmente, di giovani donne) tipiche dei tempi che furono della propaganda della “guerra fredda”, anzi riscaldata si perdonano subito. Ho profondo rispetto per coloro che nel passato hanno avuti ruoli in questa Città, comunque sia stato il loro periodo. Ma abbiamo un dovere, avere il senso del tempo presente e la prospettiva del futuro. Capire in quale stagione siano, ed evitare, di scoprirsi fuori stagione. Esorto a me stesso – conclude Tommaso Minervini – di mantenere il rispetto degli altri, lo stile non violento delle ragioni e la forza tranquilla delle passioni lunghe”. L'ex sindaco, infine, interviene anche sul finanziamento di tre milioni di euro, ottenuto per la realizzazione di un sistema di “fogna bianca” nella nostra città: “Piccola precisazione inutile. Quei fondi regionali li chiese il sindaco di Molfetta, circa due anni fa. Infatti dopo i 6 anni di amministrazione precedente alla mia, in cui rione paradiso e lotto 10 erano sprovvisti della cosiddetta “fogna bianca”, sono stati sollecitati dal sindaco di Molfetta, in sede di comitato esecutivo ATO di cui era componente”. Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet