Recupero Password
No all'istituzione del difensore civico L'opposizione: l'amministrazione di centrodestra non vuole controlli
15 ottobre 2004

I controlli, quelli che sono in fondo l'essenza di una vera democrazia, non sono molto graditi ai nostri amministratori di centrodestra, così come i cittadini che pensano di poter rivendicare i propri diritti. L'ultima dimostrazione la si ha con la vicenda del difensore civico che, per legge, ha il compito di garantire l'imparzialità e il buon andamento della pubblica amministrazione. Figura istituzionale che l'amministrazione in carica si è guardata bene dall'istituire, benché sia prevista esplicitamente dallo Statuto comunale e ne sia stata chiesta l'attivazione con forza da parte dei consiglieri di opposizione. Con una serie di tira e molla, di scuse, di colpevoli ritardi, finora sindaco, giunta e Consiglio Comunale hanno preferito dedicarsi ad altro. Per tre Consigli comunali l'argomento è stato rinviato, nel marzo di quest'anno, poi, per mesi è sparito dalla lista dei punti in discussione. Se ci fosse il difensore civico qualsiasi cittadino o associazione potrebbe richiedere il suo intervento per tutelare i propri diritti rispetto ad eventuali abusi, disfunzioni, carenze, ritardi e comportamenti omissivi di politici o di funzionari comunali. Il tutto senza dover pagare, di tasca propria, avvocati e spese legali. Tenendo conto che, spesso, sono proprio i più deboli ed i meno abbienti ad aver bisogno di essere tutelati, si può capire quanto l'istituto del difensore civico sia importante per assicurare pari dignità ai molfettesi, indipendentemente dalle risorse e dagli spazi di potere di cui possono disporre. Alla ripetute richieste della minoranza, solo alla fine di giugno il Consiglio comunale si è determinato ad assumere l'impegno di procedere, ma nella sessione successiva del 23 luglio la maggioranza è rimasta volutamente fuori dall'aula. Presenti, ma formalmente assenti, boicottando un provvedimento evidentemente poco gradito. Senza nemmeno avere il coraggio di prendere una posizione palese, di dire chiaramente che è meglio che i cittadini obbediscano senza proteste alle decisioni prese dall'alto. Anche se, qualora si arrivasse all'istituzione di questo ruolo, le voci dicono che siano già tutti pronti a rivendicare il diritto di nominare un proprio uomo, in questo caso senza ritardi e rallentamenti di sorta. Insomma, come sostiene anche l'opposizione, il centrodestra non ammette controlli sul proprio operato. Lella Salvemini lella.salvemini@quindici-molfetta.it
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet