Recupero Password
Molfetta, località Marcinase: incendio di una discarica abusiva
18 agosto 2011

MOLFETTA - Adesso brucia anche la campagna. Non sterpaglie, ma un cumulo di rifiuti nella strada vicinale Marcinase, che collega via vecchia Corato con via Ruvo. Non solo rifiuti urbani, residui edili (arredo, sanitari, vetro ecc.), ma soprattutto pneumatici, barattoli di vernice e altro materiale tossico. Sicura fonte d’inquinamento per un territorio rurale già tormentato dall’edilizia.
L’incendio di questa mattina è stato domato dai Vigili del Fuoco di Molfetta. Probabilmente un atto di vandalismo che manifesta il poco decoro dell’agro molfettese costellato di discariche abusive medio-grandi di rifiuti ed eternit (per la latente pulizia degli enti preposti e l’inciviltà dei cittadini), ma anche la necessità di un regolamento di pulizia rurale (una delle proposte dell’ing. Gregorio Minervini tra le osservazioni presentate per il Piano dell’Agro).

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""

Ma se la Città è già di per sé, in alcuni punti, una discarica a cielo aperto (lungomare, al mattino, dopo i bagordi notturni) strade cittadine, anche per effetto, anzi essenzialmente, a causa della maleducazione dei cittadini, come si potrà mai pretendere che la campagna sfugga all'indecoro che ormai è costume diffuso? E' impressionante lo spettacolo che si vede nella strada (che mena a Capa Vecchia) a fianco del distributore di gas-auto MADOGAS, dove sono allocati alcuni contenitori di rifiuti, ad uso dei villeggianti. Io presumo, salvo errore che vorrete correggere, che i contenitori siano posti dall'ASM di Molfetta. Bene, sappiamo tutti che a poca distanza dal sito corre il CONFINE territoriale fra Molfetta e Terlizzi, sappiamo altresì che una moltitudine di Molfettesi possiedono la villa in territorio TERLIZZESE, ma vi accedono attraverso quella strada, per cui è automatico che alla fine della scampagnata ci si fermi (tutti, possidenti in territorio molfettese e terlizzese) per scaricare l'immondizia in QUEI cassonetti. Quale è il problema allora? Molto semplice: 1) I cassonetti diventano insufficienti (e lo ...spettacolo lo dimostra), quando addirittura i ...villeggianti, per non SCENDERE dall'auto e depositare NEI cassoni, abbandonano i rifiuti per terra! (visti dal sottoscritto). 2) Aspetto economico: i villeggianti che possiedono in territorio di Terlizzi, pagano le tasse al comune di Terlizzi, ma USANO (ABUSANO) dei servizi - gratis - della Città di Molfetta. Perché nessuno (dei villeggianti) ha mai chiesto al servizio terlizzese di creare un'isoal ecologica in territorio terlizzese, ad uso dei medesimi? Credo che il problema sarebbe insussistente se ci fosse un pò più di senso civico ed educazione, ma ...tant'è!

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet