Recupero Password
Molfetta, al Centro culturale Auditorium mostra di George Farah: “Donne e musica” Dal 15 al 23 ottobre nell'atrio della Fabbrica S. Domenico, presentazione di Marisa Carabellese
02 ottobre 2011

MOLFETTA - Dal 15 al 23 ottobre col patrocinio del Centro Culturale Auditorium e del Comune di Molfetta, il nostro concittadino, italo-egiziano George Farah, espone nell'atrio della fabbrica di San Domenico una trentina di quadri sul tema "Donne e musica".

Si tratta di una interessante manifestazione artistica di notevole spessore per il contenuto (donne che suonano strumenti musicali più diversi) e per la forma di dilettevole pregio colorifico-espressivo.
La mostra sarà presentata dalla prof.ssa Marisa Carabellese, pittrice e scrittrice.
 
DONNE E MUSICA
 
 
Nella mitologia greca la musa Melpomene rappresenta la musica e la melodia in genere. Nella mitologia egizia la dea Maat raffigura l’armonia e l’equilibrio. E’ da credere che la Musica sia donna con la sua particolare sensibilità…
Strumenti musicali poco comuni esposti in questa mostra:
1-     Il “Sitar indù” : strumento a 23 corde usato in India, Pakistan e Bangladesh. Oltre ai semitoni, rende anche il quarto, l’ottavo e il sedicesimo del tono. George Harrison lanciò la moda del sitar indù in alcune canzoni dei Beatles, imitato poi dai Rolling Stones.
2-     Il “Mizmar arabo” (strumento a fiato tipo clarino ad ancia che accompagna la danza del ventre col suo particolare suono acuto e dominante).
3-     Il “Liuto” fu portato in Europa in epoca medievale dalle invasioni arabe e viene tutt’ora usato senza cambiare né la sua forma iniziale a manico corto né il suo nome originale arabo “al ud”, divenuto liuto in italiano.
4-     Il “Bouzouki” tetracorde greco a braccio lungo, nato dal vecchio pandouris dell’antica Grecia.
5-     L’Erhu, il più popolare fra i violini cinesi, antico strumento a due corde e una cassa armonica a forma di tazza da tè, che risale al settimo secolo (epoca Tang). Timbro malinconico adatto ad esprimere profondi sentimenti.
6-     La Cetra (o la Lira), antico strumento a corde e cassa armonica usato nella mitologia greco-romana da donne in genere, ma anche da Apollo musagete e da Nerone per accompagnare le poesie che declamava.
7-     L’Arpa attuale deriva dal cosiddetto arco musicale curvilineo dell’Egitto antico (3000 anni avanti Cristo) come risulta dagli affreschi tombali e bassorilievi di cerimonie religiose con musiciste e ballerine.
8-     La Tumba africana : strumento di percussione a forma di tamburi di forma allungata generalmente accoppiati, usata nella musica africana e latino-americana.
9-     Il “Bandoneòn” strumento somigliante al sistema della fisarmonica usato in Argentina e nell’America del Sud a partire dal 1835, destinato a sostituire l’organo nelle funzioni religiose che si svolgevano all’aria aperta.
10- Il “Basso tuba”, strumento a fiato che fa parte della famiglia dei flicorni in ottone, costituito da quattro pistoni e da un grosso tubo avvolto in forma ellittica.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet