Recupero Password
"Malasanità nell'Asl Ba/1", ginecologia a Corato, interrogazione di Rc
09 luglio 2004

BARI – 9.7.2004 "Casi di malasanità nell'asl BA/1, confermano lo scadimento del servizio sanitario regionale come conseguenza dell'applicazione del piano di riordino ospedaliero": i consiglieri di Rifondazione Comunista al Consiglio regionale, Michele Losappio e Arcangelo Sannicandro, hanno rivolto un'interrogazione urgente all'assessore alla sanità sull'episodio di cattiva assistenza segnalato da una giornalista-paziente, ricoverata a fine gravidanza nel reparto di ostetricia dell'ospedale di Corato. Questo il testo. Premesso che * Lo scorso 23 giugno è stata pubblicata dalla stampa una lettera di una giornalista che in qualità di mamma partoriente ha dovuto ricorrere all'ospitalità ed alle cure del reparto di ostetricia del P.O. di Corato; * La scrivente, nei tre parti precedenti, aveva usufruito dei servizi del P.O. Sarcone di Terlizzi di cui conserva "ancora un bellissimo ricordo sia per la struttura che per l'indubbia capacità dei professionisti da cui sono stata assistita"; * Di tutt'altro segno è stata invece l'esperienza denunciata nella lettera, dalla quale si evince chiaramente un caso prolungato di malasanità che dipende non solo dalle cattive condizioni igieniche, ma anche da scelte gestionali e logistiche concernenti la disposizione dei reparti di ostetricia, ginecologia e neanotologia, scelte della Direzione Ospedaliera che richiederebbero modifiche strutturali e di un certo impegno oltre che dalla cronica carenza di personale nonostante il riordino; * E' dunque ancora una volta confermato lo scadimento del SSR come conseguenza dell'applicazione del Piano di Riordino Ospedaliero la qual cosa chiamerebbe in causa, se non la valenza dello stesso PRO, almeno le capacità manageriali del vertice della AUSL su cui insiste la responsabilità dell'applicazione; * Il Presidente della Regione ha risposto alla denuncia della giornalista con una lettera di scuse e di rassicurazioni che consideriamo "di circostanza" giacché la parte propositiva consiste nella pubblicità all'ultimo provvedimento di Giunta, il Call Center Sanitario, e nell'annuncio di una indagine interna mentre non vi è cenno alcuno sulla carenze "strutturali" che emergono con chiarezza dall'esperienza della partoriente e che richiederebbero una complessa ristrutturazione del reparto in rapporto alle altre specializzazioni del P.O. di Corato chiamando direttamente in causa le responsabilità della Direzione AUSL; interrogano l'Assessore alla Sanità per conoscere * L'esito dell'indagine annunciata dal Presidente della Giunta Regionale; * I provvedimenti eventualmente assunti dalla Direzione del P.O. e della AUSL; * Se l'Assessorato intende assumere iniziative e provvedimenti nei confronti della Direzione Generale della AUSL BA/1 per le responsabilità che gli competono nella applicazione concreta del PRO che, stando alla dichiarata volontà della Giunta Regionale, non dovrebbe portare - come invece è accaduto in questo caso - allo scadimento del servizio sanitario pubblico a danno dei pazienti”. Di fronte a questi casi c'è da restare allibiti, tenuto conto che l'alto livello dell'ospedale di Terlizzi è stato sacrificato alle logiche dei tagli irrazionali del presidente Fitto, trasferendo a Corato un reparto di eccellenza e facendolo diventare – secondo la denuncia – un pessimo servizio. E a rimetterci è sempre la gente, costretta ad essere sempre più “paziente”.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Sono mamma di due splendide bambine nate nel reparto Ostetricia dell'Ospedale Sarcone di Terlizzi. Il mio desiderio era quello di far nascere le bimbe a Molfetta (ci tenevo tanto), ma per sicurezza ho preferito farle nascere a Terlizzi. Entrambe sono nate grazie al Dr. Tajani primario di alta professionalità oltre che di alte doti umane. Con la prima bimba ho avuto un parto dificilissimo, con un cesario d'urgenza per un arresto della progressione del feto durante il parto naturale. Credo che la sottoscritta e la bambina siamo vive grazie al repentino intervento del Dr. Tajani che capì subito la gravità della situazione ed intervenne felicemente. Sappiamo tutti come questi beceri amministratori (che non capiscono assolutamente niente di medicina e forse ne tantomeno di bilanci) hanno smantellato i reparti di Ginecologia, Pediatria e Neonatologia del Sarcone; vanificando un prezioso lavoro di decenni avviato dal prof. Ianniruberto che a Terlizzi aveva creato una "scuola" di Ginecologia. Apprendo ora, forse non tutti lo sanno, che allo stesso dr. Tajani (credo per vendetta personale di qualche burocrate della ASL BA/1) non è stato rinnovato l'incarico di primariato. Tutto ciò a discapito di noi cittadini, tutto questo è assurdo, inviterei tutti i cittadini a verificare i curriculum di tutti i Direttori Generali e Sanitari messi da questa destra disastrosa a capo delle varie ASL pugliesi, si accorgeranno che sono tutti dei burocrati, portaborse ecc. che in tutta la loro vita sono passati da fare gli impiegati negli uffici del personale a fare i Direttori Generali delle ASL senza un minimo di esperienza sia in materia sanitaria che in quella amministrativa. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, la sanità in Puglia è allo sfascio, il livello di assistenza è sotto lo zero, la sporcizia domina negli ospedali, i pasti inviati agli ammalati sono immangiabili; tutto questo a favore delle strutture private che continuano a ricavare miliardi grazie all'inneficenza delle strutture pubbliche. Dulcis in fundo sono andata al Policlinico per il mio solito controllo mammografico, mi hanno assegnato la prossima visita di controllo UDITE, UDITE il 22.03.2006 - avete letto bene 2006 - TRAGICOMICO; ovviamente andrò l'anno prossimo in qualche struttura privata a fare il mio controllo mammografico.
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet