Recupero Password
L'originalità fa vivere mille volte. La poetessa Angela de Leo si racconta all'Aneb di Molfetta
24 aprile 2017

MOLFETTA – “Il corpo umano è composto per il 60% da acqua e per il restante 40% da altre sostanze, ma siamo di fronte ad una persona il cui corpo è composto per il 99% da poesia”: è così che, presso la Sala Finocchiaro, Raffaella Leone, critica letteraria e presidente della casa editrice Secop, introduce la figura che per lei, oltre che una madre, è un esempio di vita.
Dopo l’ incipit offerto da Annetta La Candia, presidente dell’ associazione Aneb (Associazione educatori benemeriti), la critica letteraria avvia la presentazione di Angela de Leo (foto) spiegando che ciò che la caratterizza non è il suo modo di fare poesia, ma il suo abitare poeticamente il mondo, senza fermarsi mai alla apparenze; prosegue con un riferimento al libro ‘Il gelso e le rose’, scritto e rilegato a mano dall’ autrice stessa con il supporto di un designer in un’era in cui tutto è informatizzato. Per dare al pubblico un’infarinatura del contenuto del testo, l’attrice Tania Adesso legge in maniera teatrale la poesia ‘Petalo blu’.
A questo punto la parola passa alla protagonista dell’ incontro che, dopo aver  ringraziato i presenti per il calore fornitole in una giornata così fredda, parla della sua infanzia e di come la vena poetica l’abbia travolta sin da subito; a 14 anni Angela de Leo vede pubblicata la sua prima novella, che ha rappresentato per lei solo la prima di una lunga serie di soddisfazioni.
La scrittrice dichiara di non poter fare a meno di citare suo nonno, il quale le ha insegnato ad amare la vita, gli altri e se stessa, a credere sempre nei suoi sogni e a non arrendersi mai dinanzi alle difficoltà, invitandola a percorrere la strada tracciata appositamente per lei.
Il racconto di Angela de Leo si conclude con la lettura, a cura dell’ autrice stessa, di una poesia legata al suo più grande scrigno di ricordi: suo nonno.
Interviene la pittrice Marisa Carabellese, che arricchisce la presentazione parlando dell’incontro artistico fra la sua anima e quella di Angela de Leo grazie alle stelle: ha conosciuto la scrittrice in occasione di una sua mostra di quadri sui segni zodiacali, ciascuno dei quali commentato in maniera del tutto originale dalla De Leo.
Tocca alla poetessa Ada De Judicibus Lisena, dopo la lettura di Tania Adesso della poesia ‘Amo’, terminare l’ incontro: racconta come ha conosciuto un vero esempio di spessore e raffinatezza poetica durante un meeting tenutosi nel 1986 e condivide con i presenti una poesia dedicata ad Angela de Leo e pubblicata nel 2005.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet