Recupero Password
Il Molfetta sogna la A2, ma rischia di giocare in trasferta VOLLEY
15 marzo 2002

Cinque vittorie nelle prime cinque giornate del girone di ritorno rilanciano Il Molfetta Indeco nella corsa verso i play-off per la promozione in serie A2 di volley, a sole quattro lunghezze dal terzo e ultimo posto disponibile. La volata è ormai limitata a quattro squadre: Cosenza, Rende, Taviano e Molfetta. I successi conquistati contro Cetraro, Brolo, Bari e Nola fanno da cornice alla strepitosa affermazione dei biancorossi ottenuta ai danni dello Stilcasa Taviano, seconda forza del campionato, rispedito nel Salento con un 3-1 più pesante di quanto dica il punteggio. Il Molfetta, trascinato da un super Di Iorio, dopo essersi portato rapidamente sul 2-0, accusa un leggero calo nel terzo set, ma chiude stringendo i denti nel quarto. Ora i nostri sono attesi ad Aversa, su un campo molto ostico, dove occorre però dare continuità alla striscia vincente. Lo scontro col Taviano ha richiamato al palasport di Via Giovinazzo il pubblico delle grandi occasioni (circa un migliaio i presenti), che ha sostenuto ed incitato i locali per tutto il match. Una cornice del genere rappresenta un lusso per la serie B ed appare inusuale anche su taluni campi di categoria superiore. Un entusiasmo che deve far riflettere sulla sete di vittorie della città, che la società adriatica ha saputo risvegliare con un programma serio e ambizioso, con l'obiettivo neanche troppo celato della serie A. Ma se squadra e tifoseria paiono pronti al gran salto, la stessa cosa non si può dire per l'aspetto logistico. Il Molfetta da settembre, infatti, avrà a che fare col nodo-impianti, perché il nuovo palasport da mille posti sarà pronto solo per gennaio 2003 e il “Via Giovinazzo”, oltre ad aver bisogno di una ristrutturazione ormai improrogabile, sarebbe inadeguato in caso di promozione. Aleggia quindi il fantasma di un trasferimento della squadra, che sarebbe davvero un'onta gravissima sia per la dirigenza si per la città, che dopo aver perso calcio e basket, non vuole vedersi tarpare le ali ancora una volta. Serie A vuol dire giornali e tv nazionali, ma soprattutto maggiore visibilità per l'intera città. Pensiamoci prima che sia troppo tardi. Michele Bruno
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet