Recupero Password
Edilizia, Rifondazione accusa: i conti non tornano
15 giugno 2005

“I conti che non tornano”. E' il titolo che campeggia sul documento presentato sabato 11 giugno da Rifondazione comunista, nel corso della conferenza stampa convocata a Palazzo Giovene. Il PRC punta il dito contro l'Amministrazione, che avrebbe commesso gravi errori di conteggio dei conguagli per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà, una questione che da più di un anno è al centro di accese polemiche fra l'Amministrazione e i soci delle cooperative. Secondo quanto denunciato dal consigliere Luigi Cataldo (nella foto con Damiano Minervini a sinistra), infatti, il valore dei conguagli sono stati calcolati in base alla superficie territoriale, che comprende anche zone destinate ad essere usufruite dall'intera collettività, e non in base alla superficie fondiaria, su cui si sviluppano i metri cubi edificati, e quindi tenendo conto dell'area concessa. In sostanza, le cooperative che si sono ritrovate a dover pagare per la conversione del diritto di superficie in diritto di proprietà, non lo hanno fatto in base al solo volume degli edifici costruiti, ma includendo strade, scuole, zone verdi e servizi. Ovviamente questo ha comportato un innalzamento dei prezzi per i singoli soci delle cooperative e, secondo le accuse mosse da Rifondazione, c'era il “bisogno di fare cassa con i corrispettivi delle cooperative”. Altri errori sono stati individuati, secondo quanto esposto nel documento presentato da Rifondazione, nel calcolo delle somme che le cooperative avrebbero dovuto versare. Nella delibera del Consiglio Comunale, infatti, secondo il nuovo conteggio fatto da Cataldo e recepito dall'Amministrazione, il totale del conguaglio è di tre milioni e mezzo di euro rispetto ai cinque milioni e mezzo di euro previsti dal precedente conteggio fatto dal Comune. In sintesi le cooperative dovranno versare 210mila euro in meno per il conguaglio e 7mila euro in meno per la trasformazione o per la soppressione dei vincoli. Quindi l'amministrazione avrebbe conteggiato 220mila euro in più da far pagare alle cooperative per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà. Il lavoro di Luigi Cataldo è stato coadiuvato dal dottor Damiano Minervini, che ha seguito la vicenda e ha dato un supporto tecnico al consigliere di Rifondazione Comunista. “Non capisco il perché di una scelta così iniqua da parte dell'Amministrazione comunale – ha commentato il dottor Minervini a margine della conferenza stampa – penso che si debba ripensare l'intera questione della conversione, usando un metodo di conteggio più equo”. Vito Piccininni vito.piccininni@quindici-molfetta.it
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet