Recupero Password
Arte da tutto il mondo a MiArt 2006 Circa 250 gli espositori, di cui 213 gallerie
03 aprile 2006

MILANO – 3.4.2006 Si è chiusa l'edizione dei record di MiArt, la Fiera Internazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Milano, giunta ormai alla undicesima edizione. Circa 250 gli espositori, di cui 213 gallerie, provenienti da tutto il mondo. Predominanti, a livello numerico, le gallerie italiane, ma importanti anche le presenze di espositori esteri; a questo proposito da segnalare, nel settore moderno, l'esordio assoluto delle gallerie Tessa Harold di Parigi e Manuel Barbiè di Barcellona. Ospite d'onore, nel settore Contemporaneo, la Cina, che va ad inaugurare la nuova tradizione dell'invito di un Paese straniero, cui è stato destinato un ampio spazio dell'esposizione. Quello cinese, infatti, è un mercato in ascesa anche per ciò che concerne il settore artistico, oltre che per l'economia in genere. MiArt è l'unica mostra mercato italiana a presentare tre distinti settori: il Moderno, che ospita espositori che trattano artisti operanti dai primi del Novecento fino agli anni '60; il Contemporaneo, riservato a realtà che si occupano di autori degli ultimi decenni; infine, lo spazio Anteprime, dove operano gallerie che di artisti emergenti, under 35. Stand anche per diverse librerie, per le stampe di settore e per l'iniziativa Video MiArt, dedicata proprio agli artisti “video”. Oltre che per l'aspetto commerciale, importante, anzi fondamentale per le Gallerie presenti, MiArt è un'occasione per gli addetti ai lavori ed i visitatori in generale, di aggiornamento e studio, considerate le presenze di artisti storici, contemporanei ed in rampa di lancio. Numerose le opere di Giorgio De Chirico, il “pictor optimus” dell'arte italiana del XX secolo, presente con tecniche e periodi diversi della sua produzione. Tra gli artisti ormai “storici” nel panorama dell'arte italiana ed internazionale, presenti opere di Balla, Campigli, Carrà, Casorati, Chagall, De Pisis, Guttuso, Morandi, Rosai, Sironi, per restare sul figurativo; diverse le opere di Lucio Fontana, uno dei grandi geni dell' arte del XX secolo, con i suoi tagli sulle tele a squarciare ed indagare lo spazio. Tra gli italiani, presenti anche Piero Manzoni, con alcuni dei suoi celeberrimi achrome, Alberto Burri, genio dell'”arte povera”, ed Emilio Scanavino, con le sue famose “tramature”. Sulla stessa scia i “graffi” di Hans Hartung. Nel contemporaneo, diverse vecchie conoscenze viste esporre al “Torrione Passari” di Molfetta negli anni scorsi. Probabilmente l'artista più presente è stato Daniel Spoerri, con le sue “tavole” post pasto chiuse nel plexiglas, opere importanti e quotatissime. Tra i “nostri”, Mario Ceroli, maestro del legno, Jannis Kounellis, un grande dell'arte povera, che a Molfetta aveva presentato sacchi di scarpe pendenti dal soffitto, oltre alla pietra dei nostri “muretti a secco”, Gilberto Zorio, con la stella, suo marchio di fabbrica, ed ancora Luigi Ontani, Dennis Oppenheim ed altri. Questo per dire che quella delle installazioni contemporanee nel Torrione Passari è una tradizione fondamentale che deve assolutamente continuare a vivere, accanto ad altre esposizioni artistiche di periodi diversi, nella città che ha dato i natali a Corrado Giaquinto, e che da sempre ha un forte carattere culturale. Per tornare al MiArt, tutti presenti i contemporanei italiani dal mercato ormai consolidato. Citiamo, tra gli altri, Adami, Baj, Boetti, Bonalumi, Chia, De Maria, Dorazio, Festa, Rotella, Schifano, Vedova, per spaziare dal figurativo al gestuale, dalla transavanguardia al decollage. Da segnalare, tra gli artisti emergenti, le “piegature” di Berlingeri, le sculture di Rabarama, le “città” di Alessandro Papetti: alcuni degli autori di cui sentiremo parlare nei prossimi anni. Per concludere, MiArt si conferma un catalogo vivo del mondo dell'arte, un mondo sempre in movimento e in cui i periodi e gli stili si intrecciano e si influenzano, e dove un artista degli inizi del secolo scorso è antico, moderno e contemporaneo allo stesso tempo. Appuntamento all'anno prossimo, dunque, sempre nello spazio di FieraMilano.
Autore: Michele Bruno
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet