Recupero Password
Antonio Di Pietro a Molfetta per sostenere Lillino Di Gioia Il ministro delle Infrastrutture rilancia sulla legalità: “E' un valore e una opportunità per tutti”
20 maggio 2006

MOLFETTA - “L'Unione è una famiglia e non si possono sfasciare le famiglie solo per le ambizioni personali di qualcuno”. Pacato nei toni ma fermo nella sostanza, l'on. Antonio Di Pietro (nella foto, al suo arrivo con il commissario prefettizio, dott. Alfonso Magnatta, e con Lillino Di Gioia), neo-ministro delle Infrastrutture del governo guidato da Romano Prodi, fa tappa a Molfetta nel suo tour elettorale per incontrare la stampa e i sostenitori del suo movimento, l'Italia dei Valori, e si sofferma così sulle polemiche degli ultimi mesi che hanno portato, a livello locale, alla fuoriuscita dal suo partito dell'ex assessore Francesco Nappi, passato armi e bagagli nel centrodestra. “Anche a Molfetta – ha proseguito Di Pietro – l'Unione è un nucleo forte e coeso che non si può certo dividere per i personalismi di questo o quello. Noi a questo gioco al massacro non ci siamo prestati. L'Italia dei Valori è una forza politica nata per unire, per rafforzare la coalizione, non certo per dividerla. Noi invitiamo a sostenere l'Unione ed il suo candidato sindaco, perché è una persona per bene e capace”. E così in una mattinata assolata ed afosa, il “Tonino nazionale” torna a Molfetta a distanza di pochi mesi dalla sua ultima visita e lo fa per sostenere Lillino Di Gioia. “E' per noi un grande onore – ha dichiarato Di Gioia – accogliere nella nostra città l'on. Di Pietro in una delle sue primissime uscite pubbliche da ministro. Dopo la presenza del ministro all'Innovazione, Luigi Nicolais che è stato ospite di Molfetta nella serata di ieri, la visita del neo-ministro alle Infrastrutture testimonia l'attenzione con la quale il nuovo governo di centrosinistra guarda all'appuntamento elettorale nella nostra città. E' ovvio che l'omogeneità politica con il governo nazionale, con la Provincia e con la Regione Puglia, enti tutti governati dall'Unione, rappresenterà per questa città un valore aggiunto molto importante”. Ma Lillino Di Gioia, dinnanzi all'ex pm di “Mani Pulite” non ha potuto non toccare il tema caldo di questi giorni, e cioè quello della legalità: “In questi anni di amministrazione del centrodestra– ha attaccato il candidato sindaco dell'Unione – abbiamo assistito ad un continuo e sistematico disprezzo di ogni regola da parte di molti nostri amministratori pubblici. Le cronache giudiziarie stanno lì a testimoniare una situazione gravissima. Per questo noi – ha proseguito Di Gioia – abbiamo posto come primissimo punto del nostro programma il ripristino della legalità e del diritto in questa città, dopo anni di degrado”. Sul tema (suo vero e proprio “cavallo di battaglia”), ovviamente, è intervenuto anche il ministro Di Pietro: “La legalità è un valore irrinunciabile ma è anche una opportunità per tutti. In un contesto di rispetto delle regole tutti possono vivere tranquillamente e svolgere, alle stesse condizioni, il proprio lavoro con serenità. Per questo, anche a Molfetta, occorre restituire alla gestione della cosa pubblica quella forte tensione etica che negli ultimi anni è mancata”. Infine l'on. Di Pietro, andando via e salutando tutti gli intervenuti, ha fatto una promessa: “Tornerò qui ancora nei prossimi mesi, per essere vicino a questa città ed ai problemi della sua gente”.
Autore: Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet