Recupero Password
Annullamento della fiera del bestiame, la soddisfazione del WWF di Molfetta
08 settembre 2009

MOLFETTA - I volontari della sezione Wwf di Molfetta esprimono il proprio plauso all'iniziativa del comandante della Polizia Municipale, dott. Mauro Giuseppe Gadaleta, tesa a impedire l'esibizione e la monta di equidi durante la Fiera del Bestiame, il tradizionale appuntamento che si svolge la mattina dell'8 settembre, in occasione della festa patronale, limitando le attività alla mera mostra degli animali. Tale decisione è stata dettata dalla necessità di evitare situazioni che possano arrecare danni ai cittadini, in considerazione della presenza di aree di cantiere e della numerosa affluenza di fedeli che si recano alla Basilica. Il Wwf da diversi anni ha manifestato il proprio dissenso riguardo alla presenza di cavalli in questa occasione, poiché lo spazio loro destinato non è adeguato alle esigenze degli equidi. Non va dimenticato che, spesso, gli animali venivano lanciati in gare improvvisate tra la gente, minando le basilari regole di sicurezza e configurando maltrattamenti nei confronti degli animali
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""

IL PARADOSSO DELLA VITA Dicono che Dio creò l'asino e gli disse: - Sarai un asino, lavorerai giorno e notte, e porterai sulle tue spalle qualsiasi cosa mettano e vivrai 35 anni. L'asino rispose: - Signore, sarò tutto ciò che lei mi chiede, ma 35 anni sono troppi. Perché non 20? E Dio creò l'asino. In seguito creò il cane e gli disse: - Sarai un cane, baderai alle case degli uomini, mangerai quello che ti danno e vivrai 25 anni. Il cane rispose: - Signore, sarò tutto ciò che mi chiede, ma 25 anni sono troppi. Perché non 15? E Dio creò il cane. In seguito creò la scimmia e gli disse: - Sarai una scimmia, farai pagliacciate per divertire gli altri, e vivrai 10 anni. La scimmia rispose: - Signore, sarò tutto ciò che mi chiede, ma 10 anni sono troppi. Perché non 5? E Dio creò la scimmia. Finalmente creò l'uomo e disse: - Sarai il più intelligente della terra, dominerai il mondo e vivrai 30 anni. L'uomo rispose: - Signore, sarò tutto ciò che mi chiede, ma 30 anni sono pochi. Perché non mi da anche i 15 che ha rifiutato l'asino e i 10 che non ha voluto il cane e i 5 che non ha accettato la scimmia? E Dio creò l'uomo. E così è come vive: 30 anni da uomo, poi si sposa e vive 15 anni come un asino, lavorando giorno e notte, portando sulle sue spalle il peso della famiglia. Poi va in pensione e vive 10 anni come un cane, badando alla casa, mangiando quello che gli danno. E finisce vivendo 5 anni come una scimmia, saltando da casa in casa dei figli facendo pagliacciate per divertire i nipotini. Questo è il paradosso della vita e io, io ve l'ho voluto raccontare. ____________________________________________ E SICCOME SONO SPORTIVO, RIPOSTO IL PEZZO DI "Evoluzionista Convinto" - No, no caro falko rosso, non ci siamo: non so quanto inconsapevolmente, hai dimenticato una "creazione". Dopo la scimmia e prima dell'uomo, dio creò il falko e gli disse: - Sarai anche rosso e vivrai 200 anni, in pace, tranquillià e serenità. - -Il falko, già rosso, rispose: - Signore farò tutto ciò che mi chiedi ma, 200 anni son troppi, poi in quelle condizioni. Perchè non 100? - dio accettò e disse al falko rosso: - Va bene, vivrai fino a cent'anni ad una condizione, "rompendo scatole e balle a tutti" a suo tempo, su "Quindici on line". E dio creò il falko rosso. Il "suo tempo" è qui. ____________________________________________ Pure Falko è stato fatto oggetto di satira ... ma Falko di ciò è molto contento

Il verde? Non c'è più il verde e quel poco che rimane non ha scampo: viene inquinato o bruciato. Il giardino d'Europa il nostro? E' una grossa cazzata. Ormai è solo una favola, un racconto immaginario. Il respirare sano, la pace, l'ordine, il rispetto, la giustizia, l'onestà, la dignità, la serietà sono ormai valori non più usati perché inesistenti, termini caduti nel baratro, termini calpestati continuamente dalla feccia, dalla rozzezza che avanza a grandi passi da ogni lato e distrugge, senza pietà alcuna, anche quei pochi valori sani rimasti che cercano, talvolta molto timidamente, di uscire anche loro allo scoperto. Allora per questi è forse meglio tapparsi ben chiusi in casa per cercare forse di sopravvivere ancora un pochino al caos totoale??? E' il caos totale, si regredisce soltanto, e tutti (come tante maree di zombie) si azzannano egoisticamente a vicenda, per futili ed inutili voti o motivi vari, a volte senza neppure sapere il perché o per come stanno lì a fare quelle cazze di cose lì per quel cazzo di tipo lì che starnazza al vento e che non sanno neanche chi è. Dopo la merda nel proprio paese si va a fare casino anche in altri paesi. Lurido mondo fetido e puzzolente! L'uomo l'ha reso tale e quale a lui stesso. Che ho scritto? Boh! E chi mi capisce? Tra tante stronzate però qualcosina di vero ci deve pur essere. O no? W la libertà di pensare! Anche se col solo pensare non si fa proprio nulla. Non si fa un cazzo di niente ... ... e sto pensando come cazzo muovermi!!! falkorosso ... e non da solo ma in massa!!!

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet