Recupero Password
Al Liceo Scientifico di Molfetta il progetto "Io esisto" Riflessioni su un'esperienza formativa della classe 4ª sez. B del Liceo Scientifico condotta dalla psicologa dott.ssa Cinzia Campo
25 maggio 2016

MOLFETTA - Erik Erikson, psicologo e psicoanalista tedesco del Novecento, propone nella sua principale tesi sociale una concezione degli stadi di sviluppo di un individuo intesa come la successione di tappe psicosociali differenti, nei quali si affronta una gamma sempre più vasta di relazioni umane. Fiducia, volontà, finalità e industriosità convergono per completare quell'enorme puzzle umano che rende un essere umano PERSONA; sacrificio, grande senso del dovere e responsabilità accompagnano l'individuo durante la costruzione di una robusta e stabile identità, finalizzata al raggiungimento di una stadio sempre più autonomo e qualitativo della propria vita.

Esistono varie tipologie di identità, diffusa, statica, dinamica o condivisa, considerata la massima espressione del soggetto agente, ma tutte sottendono quei principi essenziali di coerenza comportamentale, di valorizzazione e rispetto altrui, di consapevolezza del proprio ruolo nella micro e macro società.

Oggi, in una società moderna prevalentemente commerciale e globalizzata si assiste ad un fenomeno di decentralizzazione umana, teso a favorire il ruolo ormai determinante di mass media e di strumenti di comunicazioni. L'attenzione è ormai catturata dalle ultime mode o da modelli di comportamento non del tutto positivi che allontano il soggetto agente dalla propria individualità, impedendogli di ascoltare i propri desideri o le emozioni più intime che lo identificano rendendolo unico e irripetibile.

L'associazione di Promozione sociale Movi_menti di Bari attraverso il progetto ' Creo dunque sono ' proposto alla classe 4ª sez. B del Liceo Scientifico Albert Einstein ha voluto restituire a ciascuno di noi quel sano e diretto contatto con la propria dimensione psico-attitudinale, valorizzando le nostre potenzialità ma soprattutto aiutandoci a riconoscere i nostri limiti e a superarli con coraggio.

Ogni essere umano ha una propria storia, fatta di vittorie e trofei ma anche innumerevoli ostacoli e difficoltà; nulla che è realmente importante si raggiunge con facilità o senza sacrificio, bisogna armarsi di coraggio e fervente determinazione, senza paura di sbagliare o riprovarci ancora un'ultima volta perché non è mai troppo tardi per imparare qualcosa di nuovo. Avere dei progetti da realizzare, dei desideri o degli obiettivi da raggiungere ci rende protagonisti di un viaggio bellissimo da poter condividere con le persone che amiamo, portarle all'interno di quel nostro prezioso universo immaginario che ci rende umani, simili e diversi al tempo stesso, degni di esprimerci, di creare, di amare semplicemente perché ESISTIAMO.

Alessia Spitaleri
(studentessa classe 4ª sez. B del Liceo Scientifico “A. Einstein”)

Nominativo  
Email  
Messaggio  

Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet