Recupero Password
Quindici - goal. Trio mancato
01 aprile 2010

Dopo anni di noia e monotonia, stiamo finalmente per assistere a quello che forse, in questo momento, per incertezza, può considerarsi il campionato più bello d'Europa. Un campionato dove nulla è lasciato al caso, dove ogni partita ha una storia sconosciuta da raccontare.
La favorita per la vittoria finale resta la stessa, gli arbitri purtroppo anche, ma i colpi di scena si susseguono uno dopo l'altro. L'augurio è che ci si possa divertire fino all'ultima giornata.
L'unico rimpianto è il mancato successo del Milan, successo che avrebbe fatto proseguire la corsa a tre per la vittoria finale, ma del resto possiamo comunque essere soddisfatti di poter assistere ad un finale di campionato che si preannuncia bellissimo.
INTER - Una partita che rispecchia a pieno l'intera stagione neroazzurra, e che avrebbe tanto da insegnare alla capolista. Una squadra passiva nel primo tempo, che si lascia sottomettere dal pressing giallorosso. Nel secondo tempo, però, cambia l'atteggiamento, e non è difficile notare come non ci sia avversaria che in Italia tenga l'Inter, che diventa tratti devastante.
La partita di sabato ha soprattutto dimostrato come la squadra del Presidente Moratti sia la vera colpevole dei punti persi strada facendo, soprattutto per i troppi atteggiamenti sbagliati in tante partite.
Il match dell'Olimpico ha evidenziato che il fattore arbitri è stato solo una scusante per la capolista, la quale ha sempre scaricato su di essi la colpa dei troppi punti persi strada facendo, anziché prendere atto della realtà, rappresentata da un gioco inesistente. Ciò lo si è visto sabato, in quanto la squadra giallorossa, nonostante  palesemente danneggiata dall'arbitro, con poche chiacchiere e molto cuore, abbia portato comunque a casa la vittoria.  
JUVE - Troppo importante era vincere, e così è stato. Risultato a parte, solo aspetti negativi per i bianconeri. Solite amnesie difensive, solito gioco inesistente, solito atteggiamento deludente. Una partita che poteva essere tranquillamente chiusa dall'Atalanta a metà ripresa, quando quest'ultima era in controllo totale della partita.
La sensazione è che ci sia sfiducia totale nella squadra, e che davvero non sia una questione di allenatore, ragion per cui per l'anno prossimo potrebbe non bastare prenderne uno nuovo, ma servirà una vera rivoluzione.
BARI - Troppo evidente la differente motivazione tra le due squadre. Un Bari tranquillo, che gioca senza cattiveria agonistica, senza troppa voglia di far bene, regalando praticamente il goal del pareggio finale al Livorno. Sabato arriva la Roma, e si spera in un atteggiamento diverso, soprattutto per rispetto dei sessanta mila che popoleranno lo stadio. 
MILAN - Troppe assenze, squadra senza ricambi, ennesima occasione sprecata dal diavolo rossonero, ormai tagliato fuori dalla corsa scudetto. I rossoneri giocano bene i primi dieci minuti del primo tempo, sparendo dalla partita subito dopo aver subito il goal del pareggio.
Basti pensare che uno dei migliori in campo sia stato Giuseppe Favalli, 38 anni, per capire la partita del Milan. Davvero pochi sono i giocatori da salvare, più che altro per l'impegno e la grinta che ci mettono sempre, tipo Ambrosini, Flamini, Boriello.
Tolti questi, si vede in campo una squadra imbarazzante, con Zambrotta che non riesce più salire sulla fascia, Abate che non ha azzeccato un cross dall'inizio di questo campionato, Inzahi inesistente, e per concludere in bellezza un certo Nelson Dida davvero umiliante.
 

Autore: Dario la Forgia
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet