Recupero Password
"Percorsi": tre modi di sentire l'arte
15 aprile 2003

Tre autori, tre modi di sentire l'arte, tre visioni dell'uomo immerso nella natura e nel mondo. Paolo Sciancalepore, Michele Paloscia e Cosmo Allegretta hanno presentato a Molfetta alcune delle loro opere più recenti, regalando emozioni e tracciando le nuove vie dell'arte contemporanea. Sciancalepore usa sapientemente la tecnica ad olio per far brillare i suoi trompe l'oeil, racchiude l'idea in scatole di legno e la fa premere, alla ricerca di una via di fuga dalla realtà, alla ricerca di quell'"unknown", di quell'ignoto cui tende la voglia di conoscenza, come quella di Ulisse. È un viaggio tra l'onirico e il reale, una sinfonia della natura, che va in scena: la rappresentazione è in un teatro, le quinte di legno racchiudono l'immagine ma allargano i confini dell'anima. È surrealismo e metafisica, è Magritte che dialoga con De Chirico e Carrà, è silenzio e rumore, è immobilismo e movimento. Gli elementi sono mediterranei: le rocce, quasi un ritorno a Mantenga e Giovanni Bellini; l'acqua e il cielo dai colori precisi e delicati, la cura quasi fiamminga dei dettagli. L'artista presenta il quadro nel quadro, e rompe la distanza tra opera e spettatore: lo straordinario ritratto di spalle, col flautista che rompe la cornice, è un exemplum di questo nuovo dialogo. Paloscia esprime la voglia dell'arte per l'arte: la pittura va oltre il soggetto, che potrebbe anche non essere. È l'arte che diventa Arte, quasi un'operazione mentale, che va oltre la figurazione. Ed infatti molte sue opere giocano con i reali significati pittorici, e portano lo spettatore a perdersi in paesaggi quasi abbozzati, dove alberi e terre si perdono nel colore. È uno sperimentatore, di tecniche e di idee, di pensieri e ambienti. Dimostra di saper maneggiare ritratti e paesaggi, astrattismo e informale. Allegretta "sente" motivi variegati. Dagli interni dei "caffè" tanto cari agli impressionisti, alle figure spigolose ed espressioniste di Dix e Beckmann, dalla pittura materica di Van Gogh alle suggestioni di Gauguin, per giungere alle nature morte d'ispirazione morandiane. La sua è una tecnica di tocco, in composizioni stracolme, quasi senza respiro, dove lo sfondo e i personaggi giocano a mescolarsi. Riprende anche il tema dello specchio, tanto caro a Parmigianino e Velazquez, giocando con la luce che colora le superfici, dando vita a cangiantismi strepitosi. Una mostra davvero molto interessante. Un solo appunto: era proprio impossibile porre accanto ad ogni opera una targhetta, con titolo e tecnica? Evidentemente la Galleria è poco organizzata. Michele Bruno
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet