Recupero Password
No alle trivelle, sì al Referendum del 17 aprile, chiusura venerdì a Molfetta Il comitato referendario: «Eppur si muove. Il quorum sembra finalmente un obiettivo raggiungibile»
14 aprile 2016

MOLFETTA - Si avvicina l’appuntamento referendario del 17 aprile e, anche a Molfetta, il dibattito sulle trivelle non è più affare di pochi. «Il referendum e soprattutto i temi del referendum sono finalmente sotto i riflettori: dopo lunghe settimane di silenzi, il dibattito si è acceso e questo appuntamento è diventato anche l’occasione per discutere di scelte energetiche e strategie di sviluppo», commentano i promotori del comitato referendario molfettese. Che annunciano la manifestazione di chiusura della campagna referendaria per venerdì, 15 aprile.

«In queste settimane, abbiamo incontrato e sensibilizzato i cittadini per le strade: i volantinaggi sono serviti a questo. Ora bisogna raccogliere il risultato: servirà anche a questo l’ultimo appello per il voto e per il sì».

Il sì al referendum non vale solo a raggiungere un risultato semplice e concreto (ripristinare la durata naturale delle concessioni per gli impianti di estrazione di petrolio/gas entro le 12 miglia); il sì al referendum non servirà solo ad evitare la svendita dei mari e delle coste, determinata dall’estensione sine die delle estrazioni – un anomalo ‘regalo’ alle Corporation, che suscita anche perplessità sul piano normativo.

Votare sì al referendum significa, in più, indicare la rotta e un orizzonte nuovo: uscire, gradualmente ma il prima possibile, dall’era vecchia delle fonti fossili e proseguire lungo la strada (già da anni ampiamente tracciata, ad esempio, in Puglia) delle fonti rinnovabili.

L’Italia non può, con una mano, dichiarare il proprio impegno per la conversione delle energie fossili in energie rinnovabili (è quel che abbiamo detto alla recente conferenza internazionale sul clima, a Parigi) e, con l’altra mano, considerare impossibile l’abbattimento delle percentuali minime di petrolio e gas (dall’1% al 3%) estratte dalle trivelle più vicine alla costa, le più pericolose.

La manifestazione di chiusura della campagna referendaria si terrà venerdì 15 aprile a corso Umberto, altezza Liceo classico, dalle 18. Al dibattito interverranno: Paola Natalicchio, Sindaco del Comune di Molfetta; Enzo Gadaleta, Comitando Molfetta; Massimiliano Piscitelli, Circolo Legambiente di Molfetta “Giovanna Grillo”; Mario Abbattista, Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea Circolo di Molfetta “Palestina Libera”; Cosimo Roberto Sallustio, Sinistra Italiana sezione di Molfetta; Mauro Mongelli, Alternativa Comunista Molfetta; Collettivo ResistenzaEResistenze/Fiera della Autoproduzioni Molfetta.

Il Comitato per il Sì al Referendum del 17 aprile (Molfetta)

Segue elenco di associazioni e partiti aderenti al Comitato:

Circolo Legambiente di Molfetta “Vanna Grillo”

Associazione Terrae

Poseidon Blue Team

Comitando, Molfetta

Collettivo Resistenza E Resistenze

Fiera delle Autoproduzioni Molfetta

Alternativa Comunista Molfetta

Movimento politico Dèp Molfetta

Partito della Rifondazione Comunista, sezione di Molfetta

Sel, sezione di Molfetta

Per informazioni: 3493558529 (Marco Di Stefano); comit.referend.notriv.molfetta@gmail.com

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet