Recupero Password
Molfetta, l'opposizione socialista all'attacco dell'Asm e dell'amministrazione per sprechi e spese inutili Conferenza stampa del consigliere Nicola Piergiovanni: pesanti critiche al presidente dell'azienda servizi municipalizzati, Francesco Nappi
28 settembre 2007

MOLFETTA - Il consigliere di opposizione Nicola Piergiovanni (foto) dell'area socialista, mette sotto accusa l'Asm per spese ingiustificate che in alcuni casi si rivelano un vero spreco di denaro pubblico. Piergiovanni, da sempre vicino al settore della ristorazione ha convocato una conferenza stampa accogliendo i giornalisti in un bar nei pressi della villa comunale proprio per parlare di queste spese dell'Asm (Azienda Servizi Municipalizzati). Nella sua funzione di consigliere comunale, Piergiovanni, l'11 settembre scorso, ha effettuato una visita all'Asm e ha consultato fugacemente una serie di delibere e fatture, richiedendone prontamente una copia. Stranamente questi documenti non gli sono stati ancora recapitati; la scadenza ultima per la loro consegna è il 10 ottobre, in caso di mancato invio – ha ribadito Piergiovanni – procederà con una lettera di diffida nei confronti dell'azienda municipale. «Quello che ho potuto constatare dalla rapida lettura delle delibere – ha detto - sono le seguenti spese: 109.000 euro per 10 auto aziendali furgonate, anziché 99.000 come richiesto da un'altra concessionaria che ha partecipato alla gara, che comunque non sono destinate a migliorare la qualità del servizio reso dall'azienda, ma semplicemente a far circolare in città gli addetti al controllo del personale operativo; 36.000 euro per la video sorveglianza degli stabilimenti Asm, che sicuramente eliminerà le spese di vigilanza, ma richiederà l'impiego di due addetti per la gestione e per la manutenzione del sistema; 6.000 euro per gadgets (cappelli, magliette), giustificate come omaggi da concedere a scolaresche in visita; 1.800 euro, per uno striscione esposto all'esterno dell'azienda; a queste si aggiungono una serie di spese per la riparazione di auto aziendali incidentate; peraltro vi sarebbe un sinistro e una conseguente riparazione non adeguatamente motivate e delle spese per pranzi, tutte da verificare». Quindi l'incremento delle entrate dell'Asm, a seguito del recente aumento del 10% della tassa sulla spazzatura - ha ribadito il consigliere Piergiovanni – vengono impiegate dal presidente Francesco Nappi e dal consiglio di amministrazione in spese del tutto inutili che sicuramente non miglioreranno la qualità del servizio reso dall'azienda. Intanto la nostra città, come evidenziato in diversi reportage di Quindici, continua a galleggiare nell'immondizia. A questo si aggiunge - come ricordato in una recente comunicato diffuso dai consiglieri comunali di area socialista Tommaso Minervini, Antonio Ancona e lo stesso Nicola Piergiovanni - che il consiglio di amministrazione dell'Asm continua ad operare con 5 consiglieri e non 3 come previsto dalle ultime disposizioni normative dello Stato: quindi un organo fuorilegge. Il consigliere comunale, Nicola Piergiovanni, ha concluso la conferenza stampa con la volontà di informare, immediatamente, sui fatti sopra esposti il sindaco Antonio Azzollini. Si chiederanno le dimissioni del presidente Francesco Nappi? Sarà sostituito da una persona più competente? Non ci resta che concludere che se questi soldi venissero gestiti meglio, per la pulizia delle strade, la città ne avrebbe un indubbio vantaggio anche a livello di immagine per i turisti e i forestieri tutti disgustati per questo degrado denunciato sul numero della rivista “Quindici” in edicola perfino dalla moglie del Maestro Muti in visita alla città Piergiovanni ha approfittato della presenza dei giornalisti anche per ricordare le oltre 1.100 firme della petizione popolare, da lui promossa, in merito alle disfunzioni del sovrappasso pedonale tra Via don Francesco Samarelli (Rione Paradiso) e Via Balice (Quartiere San Giuseppe): un ascensore non funzionante dal 2 agosto, con enorme disagio negli spostamenti delle molte persone anziane che abitano i quei quartieri. Dopo il servizio di ieri del telegiornale di Telenorba, l'amministrazione comunale ha mostrato un certo interessamento, anche se il consigliere Piergiovanni ha ribadito le richieste manifestate dai cittadini che hanno sottoscritto la petizione: necessità di adeguate misure di sorveglianza (si dubita sul funzionamento delle telecamere poste sul sovrappasso), considerando che più volte si sono verificati spiacevoli episodi ai danni di residenti e non, soprattutto nelle ore notturne dove il sovrappasso è terra di nessuno; per cui si chiede all'amministrazione comunale di valutare l'eventuale realizzazione di un sottopasso pedonale e veicolare, evitando l'attuale isolamento dei quartieri aldilà della ferrovia.
Autore: Roberto Spadavecchia
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
alla c.a. Spett.le Direzione e redazione "Quindici Giorni". In riferimento all'articolo a firma del sig. Roberto Spadavecchia e pubblicato on-line in data 28/09/07 - ore 10.36 - ed intitolato: "Molfetta, l'opposizione socialista all'attacco dell'asm e dell'amministrazione per sprechi e spese inutili. Conferenza stampa del consigliere Nicola Piergiovanni: pesanti critiche al presidente dell'azienda servizi municipalizzati, Francesco Nappi" si invia in allegato comunicato stampa dell'ASM con cortese richiesta di pubblicazione. 1) Copie delle delibere - Evidentemente, il consigliere non è abituato a rispettare le regole e le procedure come facciamo noi. Infatti, Pur sapendo benissimo che sono previsti 30 giorni per ricevere copie dei documenti richiesti, solleva inutilmente strumentali polveroni. 2)In riferimento alla gara per l'acquisto di auto aziendali, si conferma che la stessa non era “al massimo ribasso” ma alla “offerta più vantaggiosa”. Non risponde a verità l'affermazione che l'aggiudicazione sia dovuta alla “pronta consegna delle auto”. Vero è che essa è riconducibile essenzialmente alle proposte migliorative (offerta di mezzi con caratteristiche tecniche superiori a quelli richiesti – sconti elevati sull'assistenza e sui ricambi ecc..). Infatti il reale risparmio sui costi va valutato sul costo di gestione complessivo nel tempo. 3)Con riferimento alla domanda “a che servono i mezzi furgonati”. Si evidenzia (qualora ve ne fosse bisogno) che tali mezzi servono all'attività di officina e di soccorso su strada sia per i mezzi ASM (che puliscono la città) sia per i mezzi MTM (che effettuano il trasporto pubblico di persone). 4)Con riferimento alla mancanza della “motivazione dell'accaduto” su una fattura relativa a riparazioni conseguenti ad un sinistro stradale di una delle 104 auto aziendali, si segnala che la fattura è un documento contabile sul quale non è richiesta l'indicazione delle cause tecniche del sinistro da cui può avere eventualmente origine. Le cause saranno registrate su altro tipo di documenti aziendali (relazione da parte del dipendente). 5)In riferimento alla pretesa trasmissione al Comune delle “Delibere dei rendiconti” si rende noto che, ormai da anni, in applicazione della normativa vigente, l'ASM trasmette al comune gli “atti fondamentali” (Delibere riguardanti i bilanci). 6)In relazione all'affermazione “spese inutili e superflue effettuate dal presidente”, totalmente inesistenti (infatti il consigliere in questione non le indica), l'azienda ha attivato l'iniziativa legale al fine della tutela del buon nome dei propri organi e dell'immagine aziendale. 7)In riferimento alla realizzazione di impianto interno di videosorveglianza, necessario per la sicurezza dei beni aziendali contro furti ed atti vandalici che purtroppo si sono verificati in passato (anche a danno dei mezzi dei dipendenti e di fornitori), ci si stupisce che il consigliere possa ritenere che si generino “maggiori costi” rispetto ad altri tipi di vigilanza (tipicamente il piantonamento da parte di personale abilitato). E' vero esattamente il contrario, come ben sanno tutte le aziende che normalmente usano tali impianti in luogo della presenza fisica di persone. 8)Su l'altro allarme lanciato dal consigliere “questione dei 18 lavoratori a tempo determinato dell'asm” si vuole dire chiaramente che: a)è vero che l'azienda ha bisogno di una dotazione di personale adeguata alle esigenza della città nonché al comportamento incivile di alcuni cittadini; b)Dispiace non poco che, una vicenda che riguarda 18 padri di famiglia, venga strumentalizzata a fini politici. c)inoltre chiedo al Consigliere Piergiovanni “dov'era” quando nel 2005 l'Asm iniziò ad utilizzare i suddetti 18 lavoratori. Mi pare che egli fosse nella maggioranza dopo aver effettuato il salto dal centrosinistra al centrodestra. Per il Consiglio di Amministrazione ASM Il Presidente Francesco Nappi
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet