Recupero Password
Molfetta, l'amministrazione comunale vuol rilanciare il carnevale: investiti 60mila euro Sfilata di carri e gruppi mascherati, veglioncino dei bambini e veglionissimo finale con Denny Mendez, Miss Italia 1996
21 febbraio 2009

MOLFETTA - Sessantamila euro per rilanciare il carnevale molfettese: è questa la somma destinata alla 50ª edizione della sagra di febbraio che vedrà il ritorno dei carri allegorici e dei gruppi mascherati che sfileranno su via Achille Salvucci fino a via Ugo La Malfa. Questa scelta periferica, che ha destato molte perplessità nei cittadini molfettesi abituati al carnevale nelle vie del centro, è stata spiegata nel corso di una conferenza stampa (nella foto Sciancalepore, Uva, Spadavecchia, Petruzzella) dall'assessore al turismo Vincenzo Spadavecchia con la necessità di trovare una soluzione alternativa a Corso Umberto occupato negli stessi giorni dalla manifestazione “Art & Ciocc”. L'amministrazione comunale, secondo il vice sindaco Pietro Uva, su consiglio del comandante della Polizia Urbana, cap. Gadaleta, ha voluto, inoltre favorire un maggiore afflusso di pubblico in una zona non congestionata dal traffico, consentendo anche ai forestieri di essere presenti a Molfetta con la possibilità di parcheggiare le auto in ampi spazi e favorire la circolazione. Altra motivazione è stata quella di favorire la realizzazione di carri più mastodontici, dai 5 ai 7 metri, come ha detto il direttore artistico Rino Petruzzella, che non avrebbero potuto sfilare per Corso Umberto a causa della linea elettrica che raggiunge un massimo di 4,5 metri. Insomma, una scommessa per tentare di rilanciare questo carnevale, giunto alla 50ª edizione e i cui ricordi degli anni d'oro si perdono nel ricordo dei molfettesi. A organizzare la manifestazione è stata chiamata la cooperativa di cuochi e ristoratori “Milleventi”, che vuole rilanciare il turismo a Molfetta, rappresentata dal suo presidente Michele Sciancalepore. Questa cooperativa è stata l'unica ad offrire la propria collaborazione a titolo di volontariato, come ha detto l'assessore Spadavecchia e a cercare anche gli sponsor che sopporteranno la metà dei costi della manifestazione. I carri si stanno realizzando in capannoni di fortuna, alla periferia della città, non essendoci un luogo adatto per costruirli. A lavorare sono giovani volontari, che stanno imparando quest'arte, sotto la guida di esperti cartapestai, protagonisti delle manifestazioni del passato. La sfilata, domenica 22 alle 14.30, sarà presentata da Tommaso Amato e Marilena Farinola, una giovane e bella promessa del mondo dello spettacolo, collaboratrice di “Quindici”. Martedì 24, alle 15, a presentare la sfilata ci sarà ancora Tommaso Amato con Denny Mendez, Miss Italia 1996, prima reginetta di bellezza di etnia non italiana (dominicana). I carri saranno quattro, mentre sfileranno anche 15 gruppi mascherati, quattro dei quali realizzati dalle parrocchie. Si è deciso di eliminare il concorso, per evitare che la competizione scoraggiasse i partecipanti, che dovrebbero essere un migliaio. Tornerà anche il tradizionale Veglioncino dei bambini, che sarà presentato sempre da Marilena Farinola con la collaborazione di Antonio Roselli. Ad animarlo saranno circa 240 bambini delle scuole di Molfetta al Teatro Odeon, che, forse, non rappresenta la soluzione migliore dal punto di vista della capienza, vista la prevedibile affluenza di genitori e bambini e, quindi, ci sarà poco spazio per il pubblico (sono stati venduti solo una ventina di biglietti). L'altra novità di quest'anno è rappresentata dal ritorno del Veglione di fine carnevale, un ricordo degli anni Sessanta-Settanta quando Molfetta ospitava artisti di fama nazionale in una grande festa conclusiva. Quest'anno il veglionissimo, definito “megaparty” dagli organizzatori si terrà martedì 24 al PalaPoli con la partecipazione di Denny Mendez e Miguel Enrinquez. Nell'ambito delle iniziative per il Carnevale molfettese si terrà dal domenica 22 febbraio a domenica 1 marzo la rassegna d'arte contemporanea “Né carne né pesce” a cura di Giulio Giancaspro all'Ospedaletto dei Crociati – Basilica Madonna dei Martiri (orari di visite 10 – 12 / 18 – 21). Altre iniziative che sono state già presentate sono quella di giovedì 19 giovedì intitolata "Veglionissimo di carnevale" con The blues men band e Tina Mercuri - Petuar disco fashion e quella di ieri sera, la commedia in vernacolo “U' cembott”, del collettivo di teatro popolare molfettese Dino La Rocca. Anche il Teatrermitage ha assicurato una sua partecipazione con uno spettacolo. Infine Radio Idea accompagnerà la settimana carnascialesca con intrattenimenti musicali e iniziative culturali.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet