Recupero Password
Legambiente e Wwf, uniti per la difesa dell'ambiente a Bisceglie
12 giugno 2005

BISCEGLIE – 12.6.2005 Il Gruppo Attivo WWF di Bisceglie e il Circolo Legambiente di Bisceglie, nel ribadire la loro natura apartitica e apolitica, convengono e sottoscrivono le seguenti linee guida per un'azione comune in difesa dell'ambiente cittadino: - le Associazioni ribadiscono il loro diritto all'accesso ai pubblici documenti nei termini e nei modi dettati dalla Legge; - le Associazioni chiedono il rispetto della loro prerogativa ad essere preventivamente consultate dall'Amministrazione Comunale sulle tematiche ambientali; - aree naturali protette: la tutela delle aree di S. Croce e Pantano-Ripalta deve concretizzarsi nella istituzione di un'Area Naturale Protetta ai sensi della LR 19/97, come richiesto con una petizione popolare da 2500 cittadini; - amianto: è necessaria una bonifica delle discariche presenti sul territorio cittadino entro luglio; - verde pubblico: le Associazioni denunciano il pessimo trattamento del verde cittadino e sollecitano l'adozione di un Regolamento del Verde per la salvaguardia dello stesso; - violazione delle leggi in materia ambientale: le Associazioni sollecitano tutti gli Organi Istituzionali preposti a combattere e debellare definitivamente l'abusivismo edilizio, l'abbandono di rifiuti inerti, tossici e nocivi, la vendita illegale di datteri di mare, la pesca di frodo di ricci, novellame e mitili, il bracconaggio e la violenza sugli animali; - inceneritore: le Associazioni sono fortemente contrarie all'impianto del cosiddetto "termovalorizzatore" nel vicino territorio di Trani; - le Associazioni invitano l'Amministrazione Comunale ad avviare il processo di Agenda XXI, già attivo nei Comuni limitrofi, con l'organizzazione di forum tematici, nella fattispecie il canale "Ambiente e Territorio". Le Associazioni vigileranno affinché questi temi siano applicati. Intanto non si spengono le polemiche dopo la distruzione della spiaggia a ciottoli sul litorale di levate a Bisceglie. Dopo la denuncia del WWF, i servizi di Telenorba e numerosi articoli sui giornali locali, ora è miracolosamente comparso il cartello sull'indicazione dei lavori, ma questo è l'ultimo dei problemi. Senza entrare nel merito del progetto e delle relative autorizzazioni, registriamo l'ennesima scempio sulla costa, che difficilmente potrà essere rimediato. E che fine hanno fatto i rifiuti (nella foto) che erano stati già segnalati alle autorità un anno fa? Forse sono stati "spalmati" sull'ex spiaggia a ciottoli? Michele Sarcinelli
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet