Recupero Password
Le proteste dei grillini non fermano la concessione di altri 10 milioni al porto di Molfetta, e qualche giornale parla di “marchette”
23 dicembre 2014

MOLFETTA – Altri 10 milioni per il porto di Molfetta stanziati dalla legge di stabilità. Il Senato ha votato un testo incompleto e con errori, fra le proteste del Movimento 5 stelle. E mentre il premier Renzi afferma che è stato evitato l’assalto alla diligenza, i giornali parlano di nuove “mance” e di sprechi di denaro pubblico per accontentare molti parlamentari. Fra questi c’è il presidente della commissione Bilancio del Senato, Antonio Azzollini, ex sindaco di Molfetta che non ha voluto far mancare questo nuovo finanziamento per completare quella che considera una sua opera personale, un oggetto di sua proprietà: il porto, che, in realtà, è di proprietà della Regione Puglia. Resta l’interrogativo: a chi serve questo porto, alla città o a qualche imprenditore privato?

Intanto, proprio nei giorni scorsi, il consiglio comunale ha approvato la giusta scelta di restituire il porto alla Regione per inserirlo nell’Autorità portuale del Levante, prima che, col forte calo dei traffici in questi anni, finisse per morire definitivamente.
Contro questo ulteriore finanziamento di 10 milioni, definito dal “Fatto quotidiano” una “marchetta”, hanno tuonato inutilmente i senatori del Movimento 5 Stelle.
Molti cittadini ci hanno chiesto come mai il sen. Azzollini abbia inserito questo nuovo finanziamento per il porto, quando lui, non essendo più sindaco, non può gestire questi lavori?
La risposta è semplice: Azzollini spera sempre di rovesciare l’attuale amministrazione di centrosinistra, magari facendo accordi con il centro, permeato di personaggi sconfitti dagli elettori, ma probabilmente desiderosi di mettere le mani in pasta, e di tornare a fare il sindaco della città a vita, com’è il suo desiderio padronale, rivelato in un’intervista a “Quindici” qualche anno fa, quando affermava di essere stato il migliore sindaco del dopoguerra, quando le cronache, anche giudiziarie, dicono il contrario. E soprattutto se si guarda al degrado economico, civile e culturale in cui è precipitata la città, quella affermazione se non ridicola, appare tragica.
Questo finanziamento potrà essere utile (anche se non basterà) al completamento dei lavori del porto, ma, certamente appare strano come il Senato abbia finanziato un’opera oggetto di scandalo e di indagini giudiziarie e soprattutto sotto sequestro della magistratura. E appare strano come certi soldi debbano venire quasi in maniera furtiva a Molfetta e non con la trasparenza necessaria a ridare serenità, dopo anni di saccheggio delle regole e forse anche della legalità, come ritiene la magistratura che sta indagando in merito e fra gli stessi indagati c’è il sen. Azzollini.
Ma ci si chiede: è questa la spiegazione del voto contrario all’uso delle intercettazioni dell’ex sindaco di Molfetta da parte dell’aula del Senato? Forse, i senatori (anche di maggioranza) della commissione, hanno negato l’autorizzazione nella segreta speranza, non sappiamo se poi soddisfatta, di avere qualche “mancia” nella legge di stabilità per il proprio collegio elettorale? Insomma, cambiano i governi, ma il sistema è sempre quello. E poi ci si meraviglia del fatto che cresca l’antipolitica e l’astensionismo alle elezioni.
Insomma, le chiacchiere di Renzi, non se le beve nessuno: i metodi sono sempre quelli della prima repubblica e le “mance” non mancano mai nella “legge mancia” che serve ad accontentare i peones che lo sostengono.

© Riproduzione riservata

Autore: Leonardo de Sanctis
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet