Recupero Password
Je suis Paris
15 novembre 2015

In questi momenti il silenzio è d’obbligo. Il rischio è di fare il gioco dei terroristi con esasperate manifestazioni di “orgoglio. La strage di Parigi ci deve fare riflettere. E’ semplicistico e idiota reagire d’impulso dicendo: adesso facciamo partire gli aerei e andiamo a bombardare e a radere al suolo lo stato islamico (quale?), come scrive quello sprovveduto di Gasparri.

Ci vergogniamo come giornalisti anche per il titolo di “Libero” di Maurizio Belpietro: “Bastardi islamici” (andrebbe denunciato all’Ordine) ma restiamo sconcertati di fronte alle reazioni cariche di odio su Facebook da parte di razzisti e soggetti violenti, ma anche di deficienti. Ne abbiamo, purtroppo, esempi anche a Molfetta: miserabili e ignoranti, individui che rilanciano le scemenze di Gasparri, incitando all’odio, alla vendetta e alla guerra di religione. Ma gli imbecilli sono spesso pericolosi.
Oggi “Quindici” vi propone una immagine realizzata dal nostro Alberto Ficele, autore di tante copertine, che vive a Parigi e che, al momento dell’attentato, era poco distante dal luogo della strage.
Ci sembra il modo migliore per esprimere solidarietà ai fratelli francesi (Je suis parisien), anche per condannare non solo i terroristi islamici, ma gli imbecilli che finiscono per fare il loro gioco.

Ricordiamo tutti che il 31 dicembre ci sarà a Molfetta la marcia della pace, invitiamo tutti i cittadini a partecipare, perché venga scongiurata un’altra guerra, che è quello che cerca l’Isis.
Occorre fermezza per combattere il terrorismo, ma una fermezza lucida e razionale. Il sangue freddo è indispensabile contro il fanatismo, per evitare il rischio di alimentare la destra xenofoba neofascista e i folli della Lega di Salvini. Evitando anche di farsi suggestionare dagli ultimi abbagli della Fallaci. Meglio seguire la visione illuminata di Terzani.

La rabbia non deve farci perdere di vista i nostri valori e la nostra libertà che sono il vero obiettivo dei terroristi assassini. Del resto non dimentichiamo che questi attentatori arruolano soprattutto cittadini europei, menti malate e drogate dalla propaganda xenofoba e leghista.

Le guerre di religione sono pericolose, non si deve arrivata a una nuova crociata, sarebbe già una vittoria per i terroristi.

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""




Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet