Recupero Password
Hockey Club Molfetta: la crisi societaria non si ferma Ceduto all'Afp Giovinazzo, il talentuoso Onofrio Spadavecchia
15 settembre 2012

In casa Hockey Club Molfetta, non si respira una bella aria e l’attuale situazione è francamente poco chiara: non si capiscono i programmi e i progetti futuri e non si conoscono con precisione neanche gli atleti che comporranno la prima squadra. La conferma di tale situazione d’incertezza è arrivata alcuni giorni fa, con delle dichiarazioni rilasciate ad un quotidiano dal presidente Massimo de Palma e puntualmente smentite dai suoi stessi tesserati. La sociètà biancorossa poi, si è chiusa ormai da mesi, in un inspiegabile e controproducente silenzio, dando così adito alle voci più disparate. La dirigenza guidata da Massimo De Palma, è in crisi da ormai un anno e mezzo e la situazione purtroppo non sembra migliorare, anzi. La squadra è retrocessa dalla Serie A1 e quest’anno dovrebbe disputare la Serie A2. Usiamo il condizionale perché, purtroppo per i colori biancorossi, anche l’iscrizione al campionato di A2 sembra in pericolo. Da alcune fonti vicine alla società di piazza don Sturzo infatti, sono trapelate informazioni che pongono seri dubbi sulla partecipazione dell’Hockey Club al prossimo campionato cadetto. Insomma, una ulteriore discesa in Serie B rappresenta al momento più che una possibilità. A tutto questo, si aggiunge il brutto colpo subito con la nascita della Molfetta Hockey 2012, che ha visto la stragrande maggioranza degli atleti del settore giovanile dell’Hockey Club, passare nella nuova società, riducendo il vivaio biancorosso a essere composto da pochi, pochissimi bambini. Ma le brutte notizie non si fermano: la bandiera e colonna dell’Hockey Club degli ultimi 15 anni, Onofrio Spadavecchia, è stato ceduto ai rivali dell’Afp Giovinazzo. Anche in questo caso nel silenzio: nessun comunicato dalla società, nessuna dichiarazione in merito sia del presidente De Palma che del Direttore sportivo Cosimo de Ceglie, per buona pace dei tifosi ed appassionati. Inoltre, anche altri giocatori non sembrano interessati a continuare con l’Hockey Club e l’ormai ex trainer Michele Poli è andato via sbattendo la porta. Insomma la situazione purtroppo è di quelle delicate, ed il malcontento dei tifosi e degli ex abbonati, verso la società guidata dal presidente Massimo de Palma è ormai palese. Da più parti e nei social network, vengono chieste a gran voce le dimissioni dell’attuale presidente dell’Hockey Club, che al momento non sembra intenzionato a lasciare. Tutti, chi scrive, gli appassionati, gli ex atleti ed i tifosi si augurano che la situazione migliori, che si veda la luce in fondo al tunnel, ma perché questo accada la sensazione è che ci sia bisogno di un cambio radicale all’interno della società biancorossa, di una vera e propria rivoluzione negli uomini, nei programmi e nella mentalità. Se si è arrivati a tale situazione, vuol dire che molti errori sono stati commessi e magari, il solo obiettivo di non percorrere più certe politiche societarie, potrebbe sbloccare la situazione

Autore: Massimiliano Napoli
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet