Recupero Password
Generazione noia, una risposta e una riflessione
15 marzo 2005

Cara signorina de Gennaro, prima di rispondere alla sua lettera sul mio corsivo pubblicata sul numero di febbraio di “Quindici” che ha inviato alla redazione, vorrei fare una precisazione importante. Dalla sua missiva si evince che lei mi ha scambiato per un sessantottino o quasi, ma in realtà ho ventidue anni e se mi sono permesso di scrivere un corsivo sulla realtà giovanile, l'ho fatto perché la vivo ogni giorno in prima persona. Non credo, quindi, di rientrare nella categoria di coloro i quali “giovani non lo sono mai stati o che hanno semplicemente fatto il loro tempo”. Inoltre, ritengo che coloro i quali giudicano i giovani “dall'alto” dei loro cinquant'anni, parlino quasi sempre per luoghi comuni e per frasi fatte; e se non sbaglio questo si evinceva chiaramente dal mio articolo. Forse avrebbe dovuto leggerlo con più attenzione. Lei è sicuramente una persona che ha una preparazione culturale diversa da quella della stragrande maggioranza dei giovani, ma se prova a guardarsi un po' attorno, si renderà conto di rientrare in una esigua minoranza. La triste realtà è che la maggior parte dei giovani non legge i giornali, segue i telegiornali soprattutto quando si parla di calcio o di gossip e considera la politica come un qualcosa di losco, o nel migliore dei casi, di eccessivamente macchinoso. Sicuramente ci sono realtà, come le associazioni culturali, tipo l'ARCI, che a Molfetta svolgono un lavoro straordinario e lo fanno fra mille difficoltà, ma purtroppo i ragazzi che frequentano quel tipo di associazioni lo fanno, quasi sempre, perché attratti da uno specifico evento e non per una reale voglia di impegnarsi socialmente. La situazione è ancora più triste se si vanno a guardare le giovanili di partito, dove è encomiabile superare la decina di iscritti. Di esempi se ne potrebbero fare molti altri, ma lo spazio probabilmente non basterebbe. Ha ragione a dire che non si deve generalizzare, ma credo che sia altrettanto scorretto deformare la realtà per rendere onore, se pur giustamente, ad una minoranza. Vito Piccininni Le lettere vanno indirizzate a “Quindici” via S. F.sco Saverio, 75 – 70056 Molfetta oppure inviate via e-mail attraverso il nostro quotidiano in internet www.quindici-molfetta.it con preghiera di essere sintetici
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet