Recupero Password
Dopo l'attentato in Pakistan. Aria di Natale tutta intorno a noi? Una nota dell'Ac diocesana di Molfetta
19 dicembre 2014

MOLFETTA  - Dopo l'attentato avvenuto in Pakistan l'Equipe ACR diocesana e la Presidenza diocesana dell’Azione Cattolica di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi hanno diffuso una nota.

«Durante la seconda e ultima puntata sui dieci comandamenti di Roberto Benigni su Rai 1, l’attore fiorentino aveva dichiarato che la vita è molto più di quello che possiamo capire noi.

Detta così, dopo un discorso ampio e convinto sull’amore e il senso della vita, la sua frase regalava a tutti un carico di speranza e prospettive nuove.

Poi, però, a distanza di pochi attimi ci abbiamo riflettuto e abbiamo dovuto associare quelle stesse parole alla tragedia che ha avuto luogo a Peshawar, in Pakistan, in una scuola pubblica frequentata da alunni tra 6 e 16 anni, figli di membri dell'esercito.

E allora sì, che non possiamo capire come quasi 130 bambini possano essere uccisi, mentre sono a scuola. Sì, che non possiamo capire perché tanta crudeltà ai danni di innocenti. Sì, che non possiamo capire perché i grandi si facciano la guerra e di mezzo debbano andarci i più piccoli.

La violenza genera violenza, è storia vecchia. La vendetta genera altra vendetta, è chiaro per tutti.Solo l’amore può salvare, ma quanto spazio lasciamo a questo comandamento universale?

Cos’abbiamo da imparare da adulti che si ammazzano tra loro e vendicano il proprio dolore provocandone altro in altri adulti, “usando” bambini? Che lezione di vita verrà fuori? 130 studenti uccisi, 141 morti inconsapevolmente e complessivamente.

E le pagine della storia dei nostri giorni continuano a sporcarsi di sangue, ad essere strappate dall’odio, a restare appese alla speranza flebile dell’acclamata pace nel mondo.

È Natale e a Natale si può fare di più, certo. Anche uccidere. È Natale e a Natale si può amare di più, si dice. E allora, come continuare a farlo credere ai bambini? Quegli studenti sradicati brutalmente dalla loro vita non riprenderanno più a giocare, non riprenderanno più a sognare, non riprenderanno più quel tempo, che rincorrevano tanto. Ne avranno uno eterno.

Questo Natale sarà pesante per tutte quelle famiglie, anche se non sarebbe stato comunque Natale per loro.

E noi, che facciamo? Questa tragedia è anche nostra. A noi il modo migliore per raccontare e alleviare questo dolore dell’umanità.

I responsabili ACR Mauro Zaza, Susanna de Candia, don Silvio Bruno. L’equipe diocesana ACR. La Presidenza diocesana»

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet