Recupero Password
Caos al pronto soccorso dell’ospedale di Molfetta: il consigliere Infante (Rifondazione) chiede un’interpellanza urgente, ma il presidente Amato e l’amministrazione comunale rifiutano Uno schiaffo al problema della salute dei cittadini: si preferisce ignorare il problema dimostrando scarsa sensibilità a un problema rilevante e a una situazione disastrosa
27 gennaio 2023

 MOLFETTA – Finalmente una presa di posizione ufficiale dell’opposizione di sinistra (Rifondazione comunista) sul caos del pronto soccorso dell’ospedale di Molfetta, denunciato da una lettrice di “Quindici”. https://www.quindici-molfetta.it/il-pronto-soccorso-dell-ospedale-di-molfetta-e-nel-caos-completo-la-denuncia-di-una-lettrice-a-quindici_54478.aspx

E’ il consigliere comunale dr. Giovanni Infante a comunicare che in data 24 gennaio ha protocollato una interpellanza urgente sulla situazione tragica in cui versa in nostro pronto soccorso e sulle promesse mai mantenute del sindaco Tommaso Minervini in merito all’ospedale “Don Tonino Bello”.

Ma la sua richiesta non è stata accolta: un atto di arroganza da parte dell’amministrazione Minervini e del presidente del consiglio Robert Amato, che non hanno il coraggio di affrontare apertamente un argomento che riguarda la salute dei cittadini e mettono la testa sotto la sabbia, come gli struzzi.

«Nella conferenza dei capigruppo del 25 gennaio ho chiesto che l’interpellanza fosse messa all’ordine del giorno del consiglio comunale convocato per il 30 gennaio – scrive Infante -. La mia richiesta non è stata però accolta, evidentemente la salute dei cittadini Molfettesi e il diritto alla salute non sono una priorità per il presidente del consiglio comunale, la maggioranza, l’amministrazione e il sindaco Minervini. Ne prendo atto per l’ennesima volta, ma continueremo a denunciare lo stato vergognoso in cui versa la sanità pugliese e il nostro ospedale. La salute è un diritto e non arretreremo mai su questo e altri diritti fondamentali».

Solo per questo atto di rifiuto, il presidente del consiglio comunale Robert Amato dovrebbe dimettersi. E’ giusto denunciare alla città l’insensibilità al problema della salute dei cittadini, al di là delle belle parole e dei comunicati di propaganda. Speriamo che lo stesso Amato e l’amministrazione comunale siano in grado di spiegare alla città questo assurdo rifiuto, uno schiaffo ai cittadini di Molfetta.

© Riproduzione riservata

 

 

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet