Recupero Password
Sindaco Natalicchio e scout in azione per la pulizia dei parchi di Molfetta: un esempio di educazione civica Sabato pomeriggio tutta la cittadinanza chiamata a collaborare per la pulizia e sistemazione delle aiuole della villa comunale
01 maggio 2014

MOLFETTA – Scout e sindaco di Molfetta Paola Natalicchio (nella foto) in azione per la pulizia dei giardini di Molfetta, domenica scorsa. La pulizia straordinaria e la sistemazione di 2 aiuole verdi è stata effettuata da parte del lupetti (ragazzi dagli 8 ai 12 anni) del branco Waingunga del Gruppo scout Agesci Molfetta 4 (Parrocchia S. Filippo Neri).

Già da qualche mese con tutti i gruppi Agesci di Molfetta (1 del duomo - 2 Sant'Achille) stanno svolgendo un'attività denominata "Città a misura di bambino" che ha come obiettivo l'osservazione del territorio in modo da rendere i bambini già da piccoli cittadini attivi.
I lupetti hanno osservato attentamente il quartiere di Levante con foto e interviste e hanno deciso di lasciare un segno nel Parco di Levante in via Carabellese. questa attività è stata accolta dall'amministrazione Natalicchio con grande entusiasmo tanto da ricevere la partecipazione del sindaco, dell'assessore all'ambiente Rosalba Gadaleta e del presidente dell'Asm Antonello Zaza.
Tutti i lupetti e i capi sono stati felicissimi di aver concluso questa attività che verrà condivisa con gli altri gruppi Agesci e da tutta la cittadinanza sabato 3 maggio dalle ore 16.30 in villa comunale dove si spera in una grande partecipazione in modo da sensibilizzare i molfettesi (notoriamente poco educati e attenti alla pulizia della città) ad una sempre più viva civiltà. 
Un esempio qualificante che viene dai ragazzi scout che speriamo possa avviare una nuova cultura negli abitanti di Molfetta che in quanto a senso civico lasciano molto a desiderare, come confermano le strade della città che vengono sistematicamente sporcate e riempite di rifiuti di ogni genere.
Compito dell’amministrazione comunale è quello di favorire queste iniziative, avviando una educazione civica e dando un segnale di cambiamento rispetto al passato quando la sporcizia era tollerata fino all’attuale degrado. Certo, serviranno anni per invertire la tendenza, ma se non si comincia, magari anche sanzionando pesantemente gli sporcaccioni, non potremo mai arrivare a vedere la città pulita e tornare a quel decoro civico ormai dimenticato.

© Riproduzione riservata

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Dici ancora le tue preghiere piccola? Vai ancora a dormire la sera? Pregando che domani tutto andrà bene Ma i domani si mettono in fila In fila uno dopo l?altro Ti svegli e stai morendo Non sai nemmeno per che cosa Beh, ti hanno sparato a bruciapelo Sei stata colpita alle spalle A bruciapelo, piccola, sei stata ingannata stavolta Ragazzina, questo è evidente Dritto in mezzo agli occhi, piccola, a bruciapelo Dritto in mezzo alle belle bugie che ti raccontano Ragazzina, sei caduta Sei cresciuta dove le ragazze crescono in fretta Hai preso quello che ti offrivano E hai lasciato indietro quello che chiedevano Ma quello che chiedevano non era giusto, ragazza Non dovevi fare quella vita, Sarei stato il tuo Romeo e tu la mia Giulietta Di questi tempi non aspetti più il tuo Romeo Ma il sussidio di disoccupazione E tutte le belle cose che non potrai mai avere E tutte le promesse che sempre Finiscono tutto all'?improvviso, Un colpo in mezzo agli occhi a bruciapelo, tesoro, Come le piccole bugie candide Che dici per alleviare il dolore Stai camminando nel mirino, ragazza, a bruciapelo E alla prima mossa falsa si spengono le luci, tesoro Una volta ho sognato che eravamo di nuovo assieme Tesoro, io e te Di nuovo a casa in quei vecchi club come una volta Stavamo in piedi al bar, era difficile ascoltarci La band suonava a volume alto E tu mi urlavi qualcosa all'orecchio Mi toglievi la giacca mentre Il batterista contava fino a 4 Mi prendevi la mano e mi trascinavi sulla pista Te ne stavi lì e mi abbracciavi, Poi hai iniziato a ballare lentamente Mentre ti stringevo più forte ho giurato Che non ti avrei mai lasciata andare via Beh, ti ho vista la scorsa notte giù in strada Il tuo viso era nell'ombra, ma sapevo che eri tu Te ne stavi in piedi sotto un portone, sotto la pioggia Non hai risposto quando ti ho chiamata per nome Ti sei solo girata, e hai guardato altrove Proprio come un altro estraneo Che aspetta di essere soffiato via A bruciapelo, dritto in mezzo agli occhi, A bruciapelo, dritto in mezzo alle belle bugie Sei caduta, a bruciapelo, colpita diritta al cuore Si, a bruciapelo, sei stata inglobata Finchè non sei diventata una parte di esso A bruciapelo, stai camminando nel mirino A bruciapelo, una mossa falsa, soltanto una, e via A bruciapelo, ti hanno presa di mira A bruciapelo, hai dimenticato come si ama, Ragazza, hai dimenticato come si lotta A bruciapelo, devono averti colpita alla testa Perché a bruciapelo, bang, bang, tesoro sei morta. E alla prima mossa falsa si spengono le luci, tesoro. (Point Blank- B. Springsteen)


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet