Recupero Password
Rotary club Molfetta le soluzioni delle imprese pugliesi contro la crisi economica
15 maggio 2012

Una crisi che in Italia durerà decenni, per una politica inefficiente e impreparata, per una scarsa cultura d’impresa e una debole coscienza civica. E in cui, tuttavia, gli imprenditori pugliesi possono diventare protagonisti grazie al loro coraggio di innovare, potendo presentare al Paese un metodo per riformare il sistema politico e sociale orientandolo a favore della crescita e della competitività. Con la consapevolezza che la soluzione, nel mondo globalizzato, può essere sempre dietro l’angolo, poiché la crescita economica non ha bisogno d’altro che d’idee, coraggio e capacità di sperimentare. È stato questo il filo conduttore della tavola rotonda «Le imprese pugliesi di fronte alla crisi: le possibili soluzioni » (nella foto Favuzzi, Leone, de Sanctis, Aiello, De Bartolomeo, Ciccolella, Montrone), organizzata dal Rotary Club di Molfetta, presieduto dal dott. Domenico Aiello e tenutasi all’Hotel Garden di Molfetta con i Club di Altamura- Gravina, Bisceglie, Bitonto e Corato (programmati altri due convegni a tema). Dopo le statistiche e i dati allarmanti sull’attuale situazione economica italiana, snocciolati dal moderatore del dibattito Felice de Sanctis, giornalista economico della Gazzetta del Mezzogiorno e direttore di “Quindici”, gli imprenditori pugliesi rappresentanti i settori dell’edilizia, dell’energia, dell’information technology e dell’editoria, hanno spiegato, ognuno dal proprio punto di vista, le quotidiane difficoltà sul mercato e nel loro rapporto con la pubblica amministrazione, portando ciascuno le proprie proposte di cambiamento per tentare non solo di uscire “vivi” da questo drammatico momento, ma anche più forti e pronti a competere a livello nazionale e globale. D o - me n i c o de Bartolomeo, presidente della sezione Edili di Confindustria Bari, non ha nascosto il senso di sconforto che pervade i suoi colleghi, costretti a fare i conti con un mercato immobiliare in costante calo e su cui l’Imu, la nuova imposta comunale, inciderà negativamente. Anche il mercato dell’energia in Puglia ha subito pesantemente le sconfitte di una politica miope e di una programmazione produttiva del tutto inadeguata. Secondo Vincenzo Ciccolella, presidente della sezione Energia di Confindustria Bari e dell’omonimo gruppo florovivaistico quotato in Borsa, la Puglia è stata negli ultimi anni soltanto «terra di conquista per i gruppi stranieri, i quali, con manodopera straniera a basso costo hanno sottratto ricchezza alle imprese e ai lavoratori del territorio ». A Ciccolella ha fatto eco Donato Leone, rappresentante di Enel in Confindustria Bari, che ha condiviso le critiche alla errata pianificazione produttiva dello scorso decennio, sottolineando le enormi potenzialità che la Puglia p o t r e b b e , invece, sfruttare a proprio vantaggio grazie ai venti e al forte irraggiamento solare di cui gode. Basterebbe, ad esempio, un serio programma d’incentivazione all’autoproduzione di energia elettrica per le aziende pugliesi per contribuire ad abbattere i costi di produzione, rendendo tali imprese più competitive. Che la Puglia sia dotata di preziose risorse è anche l’opinione di Domenico Favuzzi, amministratore delegato dell’azienda molfettese Exprivia Spa. Risorse umane, soprattutto, risorse che i cosiddetti Paesi emergenti ancora non hanno. L’Europa, e in genere le nazioni industrializzate, dispongono di competenze nell’information technologies, nei servizi e nei beni immateriali che, con coraggio e spirito d’impresa, anche le aziende pugliesi possono sapientemente “vendere” alle nazioni in grande crescita come Cina o Brasile. Il capitale umano è, dunque, il fattore più importante, perché la crisi si tramuti in opportunità per il Sud Italia e per la Puglia. La formazione di cittadini informati, la promozione del senso civico e dei valori della comunità di cui la crescita economica non può fare a meno sono ben presenti anche alla industria editoriale pugliese, come ha testimoniato Luca Montrone, presidente del Gruppo Telenorba.

Autore: Vito Angione
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet