Recupero Password
Picchiava la moglie costringendola ad atti sessuali: condannato a 3 anni e otto mesi
13 maggio 2005

MOLFETTA – 13.5.2005 Pesante condanna a carico di un cittadino di 50 anni di Molfetta accusato dei reati di violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali: tre anni e otto mesi di reclusione, oltre all'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici e quella perpetua dagli istituti della curatela e della tutela. La sentenza è del Tribunale di Trani (collegio Russi, De Scisciolo, Sardone) e fa riferimento ad episodi accaduti all'agosto del '99, quando, secondo l'accusa, l'uomo avrebbe costretto sua moglie, con violenza e minacce, a subire atti sessuali contro la sua volontà. Secondo i magistrati il comportamento dell'uomo avrebbe provocato un clima di terrore in famiglia, coinvolgendo anche i figli, «assoggettati ad un regime di vita tormentato da sofferenze fisiche e morali». Il 50enne, infatti, avrebbe avuto l'abitudine anche di picchiare e insultate i suoi familiari. La denuncia nei confronti del marito sarebbe partita proprio dalla moglie che, secondo il suo racconto, avrebbe anche subito lesioni in una delle aggressioni durante la quale sarebbe stata spinta violentemente contro una finestra e colpita da un pugno al volto.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet