Recupero Password
Omaggio degli Eredi della storia di Molfetta al Treno della Memoria del Milite ignoto
22 ottobre 2022

MOLFETTA - Mercoledì, la bandiera tricolore dell'Associazione Eredi della storia di Molfetta, risalente alla Grande Guerra, bagnata ancora dal sangue di un fante italiano, ha reso omaggio al treno del Milite Ignoto a Bari. Insieme alla bandiera è stato portato un elmetto risalente sempre alla Prima Guerra Mondiale, per rappresentare il ricordo dei combattenti e dei mutilati di Molfetta. L'associazione Eredi della Storia, unica in Puglia per quantità di reperti custoditi, raccoglie cimeli di inestimabile, che meritano assolutamente valore di essere collocati in una sede più opportuna avere e una visibilità più adeguata, nella speranza di tramandare alle nuove generazioni il ricordo di chi ha costruito la nostra Patria».

Dopo 100 anni, quella bandiera che avvolse in battaglia la morte di un soldato sconosciuto, portata a Molfetta nel 1918 (qui custodita fino al 1943, nascosta durante l'occupazione, perduta per decenni e infine ritrovata nei primi anni 2000 dalla nostra associazione), si ricongiunge idealmente con quell'altro illustre Ignoto che proprio su questo carro ferroviario fu portato a Roma come sigillo del sacrificio per l'Unità Nazionale.

La delegazione ha reso omaggio al Treno della Memoria, partito il 6 ottobre da Trieste, il convoglio è stato accolto nel capoluogo pugliese ore 9,30 con una celebrazione commemorativa e inaugurale che si tenuta alla presenza del sindaco di Bari Antonio Decaro, del Prefetto Antonella Bellomo, di rappresentanze del personale del Presidio Militare di Bari, delle locali Associazioni Combattentistiche e d'Arma, tra cui quelle molfettesi, e della Fanfara del Comando Scuole dell'Aeronautica Militare di Bari che ha intonato le note de “Il Canto del Piave ” .

Gli Eredi della Storia hanno anche incontrato il gen. Poli, parente dell'Alpino Gabriele Poli, valoroso combattente della prima guerra mondiale.

Allestito da Fondazione FS Italiane e dal Reggimento Genio Ferrovieri, il treno storico è composto da una locomotiva a vapore Gr. 740, un bagagliaio 1926, un carro K, due carrozze “Centoporte”, una carrozza “Centoporte a salone”, un carro “Carnera”, una carrozza prima classe Az 10.000, una carrozza “Grillo”, una carrozza cuccette tipo “1957 T ” e una locomotiva diesel.

«Le associazioni combattentistiche e d'arma di Molfetta – spiega Sergio Ragno, presidente dell'associazione molfettese "Eredi della Storia" – hanno reso onore al convoglio storico dedicato alla Milite Ignoto partecipando alla celebrazione con le bandiere di rappresentanza. Tra queste, portata da Udine da un nostro invalido di guerra, che per tanti anni è stata la nostra bandiera di rappresentanza fino all'8 settembre del 1943. Poi è stata sepolta in campagna per motivi politici e per non farla vilipendere dai liberatori. La bandiera è ancora macchiata del sangue dei soldati che combatterono e persero la vita nella Grande Guerra. Oltre a quella bandiera è stato portato un elmetto risalente sempre alla Prima Guerra Mondiale,io

 

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet