Recupero Password
Molfetta sale il rischio sicurezza: nuova rapina in un supermercato
28 febbraio 2009

MOLFETTA - Rapine all'ordine del giorno a Molfetta: è proprio il caso di dirlo soprattutto se avvengono a distanza di 24 ore una dall'altra e magari con lo stesso obiettivo, un supermercato. Dopo la rapina a Dok in via Germano, è toccato all'Eurospar di via Caduti sul Mare, sempre a Ponente della città. Il bandito a volto scoperto e armato di pistola è entrato ieri sera all'improvviso e, terrorizzando clienti e commesse, si è fatto consegnare l'incasso della giornata. Poi è fuggito a piedi, facendo perdere le proprie tracce. Lo stesso supermercato era stato già rapinato altre due volte il 4 e il 17 febbraio e da allora si era provveduto a dotare l'esercizio commerciale di un servizio di vigilanza. Ma ieri sera l'agente addetto a questo servizio non presidiava il supermercato al momento della rapina. Appare quantomeno strano che il rapinatore si presenti a volto scoperto e riesca a mettere a segno ogni volta il suo atto criminale senza essere acciuffato. Dopo quest'ennesima rapina sale il rischio sicurezza nella città, dove cresce la paura sia tra i commercianti, sia fra i cittadini timorosi di non poter fare la spesa con tranquillità. Cosa succede a Molfetta? Sarebbe necessario che anche il sindaco e l'amministrazione comunale non si limitino a dichiarare a parole di voler garantire la sicurezza, ma convochino un vertice con le forze dell'ordine per mettere in atto quantomeno un piano di prevenzione, chiedendo di istituire un commissariato di polizia che sia in grado di dare manforte ai carabinieri.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Caro G. De Pinto, ecco la "prima donna", come mi definisci, che risponde non per istinto irrefrenabile come hai fatto tu, ma un pò più pacatamente. E' vero, colgo anch'io, ovviamente nella tua replica al mio commento, che la tua mano "cammina da sola". Le tue erano frecciatine? Le tue erano, lasciami correre il termine un pò scurrile ma ci sta tutto, SPUTTANAMENTI, e per tua stessa ammissione! Cito: "... caro amico di Pisanu,... di Tremonti,...Presiede la commissione finanze (in realtà è una Commissine bilancio); ed ancora ...Amoruso carissimo amico di Gasparri e di La Russa..." Ancora: "...a sto punto devo credere che le amiciczie sono servite solo a farsi posizionare ai primi posti nelle liste per diventare Parlamentari..." Io continuo avendo letto ancora, con molta più attenzione il tuo intervento, a non cogliere alcuna nota di satira e/o di provocazione. Intuisco al contrario una sostenuta delusione, da parte di un "nobile e convinto sostenitore dello schieramento di C.D." (così come ti definisce F.R., al quale, in qualche modo mi associo nel giudizio) per quanto ti sarà stato detto durante gli incontri elettorali e quanto realmente i nostri Amministratori stanno mettendo in pratica. Io non credo che il fatto di essere amici di detrminate figure, chiamiamole così, di primo piano, autorizzi chichessia a presumere di poter ottenere qualcosa di più di quello che ottengono gli altri. Sarebbe veramente politica di bassa lega e non credo che Tremonti, La Russa, e non so chi altri siano propensi a prestarsi ad un simile "modus operandi": non tanto per una quastione di etica - credo che nella nostra politica, l'etica e la decenza siano concetti sconosciuti - quanto per non esporsi a situazioni imbarazzanti. Infine, e scusa la prolissità, buona esortazione quella di "copiare Emiliano e Cofferati", ma credo che vi sia un abisso in tutti i sensi fra questi Personaggi ed i nostri. Cordialità. P.S.: La dialettica, specie quando è pubblica, deve sempre essere mantenuta sui binari della correttezza e del rispetto delle posizioni altrui, sopratutto quando esse divergono dalle proprie.

Gaudio guarda avevo la tentazione di non risp ma la mia mano cammina da sola a volte. Il mio messaggio bene è stato inteso da F. R. I miei commenti sono solo frecciatine a chi si vanta amicizie solo quando deve ricattare gli iscritti durante i congressi. Amicizie che scendono in campo per sbarrare la strada a questa o quella corrente, amicizie che vengono sbandierate in campagna elettorale per dire alla gente, vedete quel politico come mi tiene in considerazione tanto da mettermi al 2 posto nel listone? Io non so se la sua intelligenza arrivi solo al filosofeggiare inutilmente come tanti fanno oggi (e da qui l'implosione della sinistra che parla all'elite). Guarda se credeva che qualcuno le venisse dietro con la sua sterile polemica si sbagliava. Sono molto diretto nei miei pensieri e come consiglio, da ignorante a grande paroliere, le dico che farebbe bene ad attaccare gente che ha potere e che bene lo può usare. E le consiglio anche di non fare la prima donna solo per il gusto di farlo. Nel mio commento io da persona intelligente riesco a dar ragione anche a gente come Cofferati che con il mio pensiero poco si concilia. F.R. non credo sia di destra ma ha quell'intelligenza che lo porta a criticare non un commento che è palesemente una provocazione (solo Lei non lo ha colto). Mi verrebbe da dire.... "ma mi faccia il piacere". Quanto a F.R. condivido a pieno quanto hai detto. Tremonti no global sinceramente è il max. Veneziani su la7 ad Omnibus che da ragione ad un eurodeputato di PRC, Cofferati che vuole una legge piu severa sull'immigrazione, Zapatero (mito per la sinistra italiana) che inasprisce le pene sui clandestini..... Non si capisce piu nulla.... Davvero il dopo Berlusconi mi preoccupa, sarà un caos incredibile...... A questo punto caro lettore, mi piacerebbe vedere a Roma un governo fatto da fini e dalema come a molfetta una giunta fatta da alcuni del PD e alcuni ex An. Forse sia a roma che a Molfetta si ristabilira un po di ordine. Non è inciucio ma affidare il governo a gente per bene sia di destra che di sinistra oggi credo abbia priorità. Ripeto che i miei sono interventi provocatori..... (per qualcuno che non ci arrivi con la propria intelligenza)

Sig. Gaetano De Pinto... ho un problema, mi assale un dubbio quando leggo i suoi scritti. Premetto che sono condivisibili e, abbastanza nudi e crudi, nel senso che Lei, non le manda a dire... eppure continua ad assalirmi un dubbio e, vado al dunque: Possibile che Lei non abbia compreso che non hanno interesse a fare quel che Lei giustamente, come tutti noi, rivendichiamo sia fatto in questa città? Delle due l'una, o non vogliono, o non possono. Secondo Lei qual'é la giusta motivazione? Lei per me è una persona autenticamente e nobilmente di destra e sa, come uomo di destra doc, cosa fa la destra come prima cosa quando è al potere: ristabilisce l'ordine! Questi, invece, creano il caos e, tagliano gli stanziamenti alle forze dell'ordine. Le sembra una cosa normale? Le sembra destra quella che noi abbiamo al potere? Ma da cosa siamo governati? Ho capito perchè la sinistra sta implodendo su sé stessa, perché non si riesce a fare seriamente opposizione a qualcosa che dicesi di destra, ma non si sa bene cosa sia e inizia con il tagliare i fondi alle forze dell'ordine, per cui qui rischiamo che Poliziotti e Carabinieri, Sciperino e facciano dei cortei con Rifondazione e la CGIL. Stiamo andando tutti in confusione perché questo è peronismo! Altro che centrodestra! Ha Ascoltato l'ultimo Tremonti, ad Anno Zero di Santoro? Era su posizioni antiliberiste, no global, no libero mercato, no libero commercio, e... udite udite... difendeva l'INPS! Non si capisce più niente, sono finiti i bei tempi in cui era tutto bello squadrato DC, PCI, PSI, MSI... che casino stiamo vivendo.



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet