Recupero Password
Molfetta, oggi la processione a mare della patrona Madonna dei Martiri Anche oggi previsti i fuochi pirotecnici all'imbarco e allo sbarco della statua. In occasione della Festa patronale il Comitato ha realizzato un interessante opuscolo distribuito ai cittadini
09 settembre 2009

MOLFETTA - Si terrà oggi alle 15 la tradizionale processione a mare della statua della Madonna dei Martiri, rinviata ieri a causa delle cattive condizioni del mare. I fortunati pescherecci che imbarcheranno la Madonna sono il Gerardo I degli armatori Lucrezia ed Elena Spadavecchia, l'Emanuele Padre di Mauro Germinario, Cosimo Gadaleta e Nicola Gadaleta e il Giubileo di Giovanni Brattoli e Modesto Cappelluti. Previsti anche i fuochi pirotecnici all'uscita della statua a cura della Ditta “La Pirotecnica”, a devozione della Powerflor del Gruppo Ciccolella e allo sbarco a cura dei Fratelli Romano, Pirotecnica Ponre e Pirotecnica modugnese a devozione del Consorzio commissionari mercato ittico e affini, artigiani e commercianti e della cittadinanza molfettese. Intanto è in distribuzione, presso il Comitato Feste patronali, l'opuscolo (nella foto, la copertina) realizzato in occasione della Festa che contiene il programma e alcune notizie storiche sulla Festa. Questo il saluto del presidente del Comitato Feste patronali, Corrado Sancilio: «È settembre, aria di festa, atmosfera di gioia ma anche di speranza, il tutto in funzione dei festeggiamenti in onore di Lei, la nostra Madre Celeste e compatrona della Città di Molfetta, Maria SS. dei Martiri. Tutto ciò è semplicemente meraviglioso, riempie il cuore di gioia di ogni molfettese ed è di sprone, a chi ha avuto l'onore e il compito di organizzare i festeggiamenti in Suo onore, a perseverare nel perseguimento dei difficili compiti assegnati. Il primo pensiero è sempre rivolto a Lei, in ogni giorno dell'anno e soprattutto nei momenti di difficoltà, accompagnato da preghiere continue affinché vegli e protegga sotto il Suo manto, l'intera cittadinanza molfettese, compresa quella sparsa in ogni parte del mondo. Senza non poche difficoltà, legate ai noti e comprensibili momenti di crisi economica mondiale, ci accingiamo ad organizzare i festeggiamenti della ormai secolare «Fiera» e della tradizionale «Sagra a Mare», attraverso il preziosissimo aiuto che i cittadini fedeli e le aziende locali non ci hanno fatto mancare con il loro contributo. Con l'intento di ripetere le positive precedenti edizioni, vi è da dire che ulteriori ed enormi sono stati gli sforzi e l'impegno prof uso dalla totalità dei componenti tutti il Comitato che mi onoro presiedere, affiancato in questa ardua impresa dai miei insostituibili Vice Presidenti e dalla sempre efficiente Segreteria. Un sentito saluto e ringraziamento, va a SE. Mons. Vescovo Luigi Martella, al Sindaco della Città di Molfetta Sen. Avv. Antonio Azzollini, al Parroco della Cattedrale don Vito Bufi, al rettore Fra Filippo d'Alessandro e ai Padri tutti della Basilica Madonna dei Martiri e infine ai sacerdoti dell'intera Diocesi, per non aver fatto mancare il loro prezioso apporto e soprattutto l'incoraggiamento a perseguire serenamente l'intento di organizzare questa grande festa. Assolutamente, in questo frangente, non è da trascurare il prezioso apporto delle forze dell'ordine presenti in città, i cui uomini si impegnano al massimo per poter garantire a tutti, sicurezza e serenità. Infine un saluto è rivolto ai numerosi concittadini residenti all'estero. che a costo di enormi sacrifici vorranno essere presenti e condividere con noi il piacere di vivere la “FESTA”. Buona fiera a tutti».
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Mi ha incuriosito il "mammalucchi". -mamelucco s.m. (dall'arabo mamluk, letter. "posseduto, schiavo"; v. anche Mammalucco) (pl.-chi, femm.-che). Nome di quelle milizie turche e circasse d'origine servile che vennero ad acquistare pratica preponderanza in Egitto già sotto la dinastia degli Ayyùbitì, che poi soppiantarono come diretti sovrani del paese, in due distinti rami, ma con assai irregolare continuità dinastica, dal 1252 al 1517................Anche quando gli Ottomani conquistarono l'Egitto, mettendo a morte l'ultimo sultano mamelucco Tùmàn Bey, i M. conservarono buona parte del loro potere, spesso in contrasto coi pascià mandati a governare da Costantinopoli. Essi formarono il nucleo di quella resistenza all'invasione francese che Napoleone spezzò alle Piramidi, e furono definitivamente sterminati solo nel 1811, con la strage organizzata da Mohammed 'Alì nella cittadella del Cairo. Anche.....Forma popolare, non com., di mamelucco, nel senso fig. di persona sciocca e goffa: non capisce niente quel mammalucco. Anche, non com., il femm. mammalucca. Analogia con Molfetta, volendo essere permalosi. Alla morte di Abbas (nipote di Mohammed Alì, suo successore), cui successe il figlio Said Pascha, al quale si deve l'inizio degli scavi del Canale di Suez, aperto nel 1869 da Ismail Pascha. Guarda caso il "mammalucco", in concomitanza del nuovo porto: che ci sia qualche premunizione a qualcosa? Vedremo. E per chiudere............. MAMELUCS (mamlù'k) (anche Mamelus o Mamlus o Mamelous; italiano Mamelucchi) - Nome del partito opposto, a Ginevra, agli Eidguenots, nelle lotte politiche del sec.16. Vogliamo anche a Molfetta creare un partito di opposizione denominato "Partito Mamelucs Riuniti"? L'idea non mi sembra malvagia. Saluti a tutti i presunti.....mammalucchi.

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet