Recupero Password
Molfetta, il PDL scopre le carte e presenta Antonio Camporeale
20 febbraio 2010

MOLFETTA - Il PDL molfettese scende in campo e ufficializza solo ora la candidatura (anticipata da Quindici in anteprima circa tre settimane fa) dell’unico molfettese del centrodestra in corsa per le regionali. I vertici locali del PDL hanno scelto quindi di scoprire le carte e di presentare domenica 21 nella Fabbrica di San Domenico, Antonio Camporeale, il molfettese che il sindaco Azzollini spera di far approdare in regione.
Camporeale sarebbe l’unico molfettese a rappresentare la coalizione di centrodestra a sostegno del candidato alla presidenza della Regione Puglia Rocco Palese.
Il sindaco senatore ce la sta mettendo tutta e si sta prodigando in prima persona per piazzare un suo uomo alla Regione. Questa volta vuole riuscirci e non si perdonerebbe una sconfitta per Camporeale che gli è stato sempre fedele sin da quando militavano nel comunismo.
Per questo a Molfetta e nei paesi limitrofi Azzollini sta facendo piazza pulita “rastrellando” consensi, tranne a Molfetta. Il senatore ha deciso infatti di adottare un’altra strategia per far sì che i voti del centrodestra molfettese convergano tutti sul candidato da lui designato, coinvolgendo a sostegno di Camporeale, tutti gli uomini del centrodestra che lui ha collocato in giunta e nel sottogoverno, municipalizzate comprese. Azzollini non vuole altri candidati a Molfetta, nel senso che tutti devono appoggiare il suo Camporeale e non ammette defezioni.
Ovviamente c’è stato qualche mal di pancia nella maggioranza, ma il senatore sarebbe riuscito a convincere tutti. La strategia elettorale è sempre quella di portare voti al candidato e al partito senza “se” e senza “ma”. In caso di sconfitta elettorale, c’è sempre un “premio di consolazione”. La fedeltà premia sempre, Azzollini facendo ruotare tutti i candidati al consiglio comunale, è riuscito a permettere a tutta la lista di ottenere un posto in consiglio o nel sottogoverno. Ultimo caso in ordine cronologico è quello di  Pasquale Mancini, candidato alle elezioni provinciali, non eletto dai molfettesi e premiato con la presidenza dell’Asm.
Avrebbe convinto tutti il senatore, ma proprio tutti, tanto da far dire ai bene informati che si stanno lasciando convincere anche Pino Amato e Carmela Minuto, ora all’opposizione in consiglio comunale, ma che presto potrebbero passare in maggioranza e addirittura nel PDL. Una delusione per il fratello Pasquale (Minuto) che alle regionali sosterrà il fittiano Tato Greco anch’egli in corsa per un posto alla regione.
Non è escluso, però, che anche altri candidati del PDL di altre città incasseranno voti qui a Molfetta. Infatti il Sen. Enzo de Cosmo si è già messo in moto per raccogliere più voti possibili in città per Giammarco Surico, consigliere regionale uscente del PDL che gli ha chiesto una mano in campagna elettorale, per tornare a sedere in Regione.
Altro candidato del PDL che cercherà di strappare consensi al molfettese Camporeale è il consigliere regionale uscente del PDL, Massimo Cassano, che alle scorse regionali solo a Molfetta riuscì a raccogliere più di 1.000 voti, grazie all’aiuto del PDL locale, che alla scorsa competizione non presentò nessun candidato di Molfetta.
Sul fronte del centrosinistra saranno molti i molfettesi a contendersi la poltrona in regione, a partire dall’assessore uscente alla trasparenza e cittadinanza attiva, Guglielmo Minervini, in corsa con il PD, per continuare con l’ex sindaco di centrodestra, Tommaso Minervini ora candidato con Sinistra ecologia e libertà, la formazione messa su proprio dal candidato di centrosinistra alla regione Nichi Vendola. Poi ci sarà ancora Mimmo Cives che correrà con l’IDV di Di Pietro e probabile anche  la candidatura di Gianni Porta per Rifondazione Comunista.
Una bella battaglia sia per il sindaco Azzollini che sta dando tutto se stesso per l’elezione di Camporeale in Regione e per il quale ha sacrificato l’altro Camporeale, Nicola, da sempre eterno secondo e in panchina, sia per il centrosinistra molfettese in corsa con tanti nomi, tutti cavalli di razza della politica molfettese, che si daranno lotta fino all’ultimo, per raccogliere i consensi.
Una campagna elettorale davvero dura, che volerà via in un baleno, visto che manca solo poco più di un mese alle elezioni.

 
Autore: Giovanni Angione
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""





Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet