Recupero Password
Molfetta fuori dai finanziamenti regionali per le aree vaste. Il Pd denuncia: "Amministrazione Azzollini senza progetti"
30 dicembre 2009

MOLFETTA - Con una nota stampa il coordinatore cittadino Abbattista denuncia le gravi mancanze che hanno impedito a Molfetta di beneficiare di parte dei 340 milioni di euro erogati dalla Regione per i programmi di area vasta, diversamente altri comuni vicini, anche guidati da giunte di centro destra, hanno fatto il pieno di fondi.

“L’amministrazione guidata da Antonio Azzollini ha perso l’importante occasione dei programmi stralcio di area vasta per strutturare interventi tesi a migliorare la città grazie ai finanziamenti che la Regione ha stanziato per complessivi 340 milioni di euro”. A stigmatizzare questa grave opportunità mancata è il coordinatore cittadino del Partito Democratico, Giovanni Abbattista.
La pianificazione strategica di area vasta risponde alla necessità, avvallata dalla Comunità Europea, di costruire una nuova idea di territorio attraverso una visione condivisa e partecipata delle scelte, in cui tutti gli attori sono portatori di risorse, conoscenze, intelligenze utili ad interpretare la complessità dei bisogni.
In Puglia sono state quindi individuate 10 aree e Molfetta rientra in quella della Metropoli Terra di Bari. Scorrendo l’elenco dei comuni finanziati dalla giunta regionale manca la nostra città.
“Le cause e le responsabilità sono chiare”, spiega Abbattista. Per Molfetta sono stati presentati solo due progetti. Il primo riguarda l'informatizzazione dei servizi pubblici e potrebbe essere recuperato dopo la ricognizione dell'attuale stato dell’arte nei diversi Comuni che hanno presentato progetti simili. Pochi spiccioli a fronte dei milioni di euro che le progettazioni degli altri comuni si sono guadagnati. Il secondo un progetto per il porto non ammissibile a questa misura di finanziamento.
“L'approssimazione tutta interna al centro destra che governa la città dimostra di essere ancora una volta incapace di formulare proposte e elaborare progetti che possano cambiare il volto della città esaltandone le sue bellezze – incalza il coordinatore del Pd –  E qui viene meno anche la fantomatica capacità del nostro sindaco-senatore di intercettare fondi per Molfetta”. 
 
Qualche esempio di intervento che poteva essere finanziato? La messa in sicurezza delle lame e la protezione del centro abitato, che è valsa al comune di Cassano quattro milioni di euro.
Da Bari a Trani tutti i comuni costieri vedranno regolarmente finanziati progetti di intervento sul waterfront urbano, volgarmente la risistemazione dell'area urbanaa stretto contatto con l'acqua. Bisceglie ha ottenuto 4 milioni di euro, Trani 1,4 e Molfetta non c'è perchè non ha presentato alcun progetto... mentre il litorale di ponente è inagibile, quello di levante e il lungomare Colonna versano in stato di abbandono.
 
Passando ai beni monumentali: mentre il Palazzo Dogana è stato svenduto ai privati perché hanno voluto far credere ai cittadini che fosse l’unica possibilità di recuperare tale bene monumentale, ecco che scorrendo l’elenco dei progetti finanziati si legge del Comune di Corato che ha ottenuto due milioni di euro per la ristrutturazione dello storico Palazzo Gioia e del comune di Bitonto che ha presentato un progetto per il recupero di Mura Angioine e la rigenerazione del centro storico per altri due milioni di euro. “Dunque anche la via di una riqualificazione pubblica di Palazzo Dogana, come da noi sostenuto sarebbe stata possibile”, evidenzia ancora Abbattista.   
 
E che dire poi dell’aspetto museale? Mentre l’ex lazzaretto langue nell’incuria il comune di Altamura, tra gli otto progetti presentati, ha ottenuto oltre 3 milioni di euro per il completamento di Palazzo Baldassarre e la musealizzazione dell’uomo di Altamura e altri reperti storici.
Scelte politiche? “Certo ma la questione non riguarda il colore delle amministrazioni dei comuni finanziati – specifica il coordinatore cittadino del Pd – gli esempi sopraccitati attengono infatti tutti a giunte di centro destra. La vera questione politica è la miope incapacità di governare i processi di cambiamento dell’amministrazione Azzollini. Per ottenere finanziamenti bisogna avere idee e presentare progetti, non solo in ambito portuale. Capacità che questa amministrazione, conferma di non avere”.  
 
Da definire, per questo stralcio, ci sono ancora i fondi previsti per l'efficientamento energetico degli edifici pubblici, ovvero per dotare scuole e altre strutture di pannelli solari. Ci sono poco meno di otto milioni da assegnare. Di qui la proposta di Abbattista: “Che l’amministrazione si dia da fare e candidi nuovi progetti per tenere il passo almeno sulle energie sostenibili. Poi per nuovi finanziamenti di area vasta se ne riparlerà tra due anni. Speriamo che fino ad allora si riescano a realizzare progetti utili e sostenibili per il futuro della città”.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


NON MI FIDO - Non mi fido di quelli che fanno i comunicati solo quando in ballo ci sono i soldi; non mi fido dei commentatori che santificano la sinistra delle mega-parcelle a spese dei pubblici bilanci; non mi fido di quelli che osservano un religioso silenzio sulla notizia dei 17 impiegati dell'ufficio di collocamento; non mi fido di quelli che vedono il male assoluto dalla parte dell'amministrazione mentre santificano i nuovi ricchi della "sinistra professionale soft & glamour; non mi fido dei protestatari a convenienza; non mi fido di quelli che hanno già governato questa città e hanno combinato altro tipo di disastri; non mi fido di quelli che stando all'opposizione continuano, attraverso i mille rivoli inesplorati del consociativismo a fruire della loro posizione di casta; non mi fido dei mormoni finti ambientalisti; non mi fido di questa sinistra burocratica e cartolare; non mi fido ... non mi fregate ... questa non è la sinistra che lotta per i più poveri ed indigenti, questa è solo aristocrazia!!! Un'ultima provocazione!!! LA ROTONDA, CON L'ALBERO DI NATALE??? BELLA, EFFICACE, E BEN PROGETTATA dall'ottimo Baldus Uccius de la Rotondam, e comunque, sempre MEGLIO DELLA MACCHINA SCHIACCIATA ARRUGINITA TRA DUE MASSI!!! (a proposito, quanto ci costò quel "cazzotto nello stomaco", allora???) AZZOLINI??? UN PRODOTTO DELLA SINISTRA LOCALE!!! TUTTA LA DIRIGENZA BERLUSCONIANA ATTUALE E' UN PRODOTTO DELLA MALA-SINISTRA ITALIANA!!! DOCUMENTATEVI!!! BUON ANNO ...F.R... P.S. IL MIO GRUPPO, IN FACEBOOK HA GIA' RAGGIUNTO IN POCHI GIORNI LE 350 adesioni!!! SFONDERO' LE MILLE FRA QUALCHE SETTIMANA!!! http://www.facebook.com/group.php?gid=240403669306&ref=ts




Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet