Recupero Password
Michele Moretti, ballerino molfettese tra gli “amici” di Maria De Filippi a Canale 5
15 novembre 2005

Michele, finalmente, ha vinto la “sfida”: è il nuovo ballerino del programma di Canale 5 “Amici” di Maria De Filippi. Un grido di gioia e un diluvio di applausi si sono levati nello studio televisivo. Io ero lì seduta negli spalti della tifoseria accanto ai suoi genitori, tremavo dall'emozione, un'emozione che è difficile spiegare . . . il mio migliore amico stava realizzando un sogno per il quale aveva dovuto a lungo lottare e ora poteva sedere al banco fra gli altri giovani talenti in cerca di successo. Michele Moretti è un ragazzo determinato; in pochi avrebbero superato la prova: battere in sfida almeno quattro dei cinque ballerini della squadra di “Amici”. Ha vissuto un mese tanto frenetico quanto stressante, un continuo andare da Molfetta a Roma per lavorare su nuove coreografie, ogni giorno provare e riprovare. Ma, come dice lui stesso, “non sono le prove a rappresentare un sacrificio per un ballerino che crede nella danza”. Probabilmente la vera tortura è stata quella di rimanere lontano dalla famiglia e dagli amici, non riconoscere negli sguardi che ti circondano sostegno e affetto. Il sostegno e l'affetto che il pubblico gli ha sempre dimostrato, anche quando non era ancora un “ballerino” di Canale 5 ma un semplice ragazzo molfettese con un sogno nel cassetto: diventare un ballerino della televisione. Nessuno mai pensava che dietro quel ragazzo così stravagante si nascondesse un arista fino a quando non si è esibito per la sua scuola l'Ipssar, in “Emozioni al muro”, una spettacolare rilettura in chiave moderna di “Cavalleria rusticana” e “Scarsa la creta che mi impastò” (spettacolo di teatro-danza tratto da «La Baronessa dell'Olivento» di Raffaele Nigro). Entrambi grandi successi sia per la scuola sia per lui che si è guadagnato un ottimo giudizio della critica “ha una assoluta eleganza nei movimenti e un valore tecnico straordinario”; “una vera esibizione di classe e di stile”. Nonostante la giovane età, ha già un brillante curriculum. Innate le sue doti e la propensione alla danza, ha studiato cercando di perfezionare e mettere a punto lo stile così come la disciplina prevede (anche grazie ai continui stage fatti con artisti del calibro di Steve Lachance, Mia Molinari, Silvia Martiradonna, Michele Oliva, Orazio Caiti, J. Parson ecc…). Esibizioni, saggi, concorsi e manifestazioni. Ha accumulato numerose vittorie, molti primi posti ma, il suo obiettivo era la televisione, e per questo ha rifiutato alcune interessanti proposte di compagnie teatrali. Così ha cominciato ad andare su e giù in treno da Roma a Molfetta per sostenere provini che si concludevano, quasi ogni volta, con un biglietto di ritorno a casa. Ma non ha mollato, caparbiamente ha proseguito gli studi, accresciuto e migliorato la sua preparazione che gli ha consentito di affrontare e vincere questa prova. Ora comincia per lui la vera sfida. Permettetemi di rivolgermi direttamente a Michele che leggerà sicuramente questo artico: “Non preoccuparti apri il cassetto che per anni hai tenuto chiuso e fai esplodere i tuoi sogni… vola in alto… meriti tutto il successo che stai avendo e che ancora avrai, se è questo ciò che desideri non possiamo fare altro che incoraggiarti e sostenerti sempre, ma ti ricordo che si può essere bravi ballerini, tecnicamente perfetti, ma se non si ha qualcosa in più, qualcosa che arriva al pubblico oltre che alla bravura, allora si resta un ballerino qualunque come ce ne sono tanti… e tu non sei e non sarà mai un ballerino qualunque”. Con immenso affetto, la tua amica (non giornalista) Nicla Ardito
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet