Recupero Password
Maria Addamiano e Il settimanale
15 dicembre 2012

In occasione della collettiva allestita presso la locale Sala dei Templari, il giornalista Rai Enzo Quarto aveva focalizzato la propria attenzione in particolare su due scultori molfettesi, Michelangelo de Virgilio, con le sue poetiche creazioni in acciaio, e Maria Addamiano, maestra nel modellare la terracotta bronzata e la cartapesta. I due artisti sono stati oggetto di un interesse particolare nello spazio “Il Settimanale” di Rai Tre; ultima in ordine di tempo l’Addamiano. Il giornalista ha impostato la conversazione in maniera informale e ha voluto cogliere l’artista nel momento del lavoro. L’Addamiano ha così estrinsecato la propria visione del mondo e la poetica che sottende le sue creazioni. Ha rammentato l’importanza che la figura di don Tonino ha rivestito nella sua ispirazione, anche lirica e narrativa, e ha esternato il proprio innato bisogno di esprimere e comunicare emozioni. Il suo fine appare dunque non il perseguimento di un’arte cerebrale e complessa, innervata di doctrina, ma la ricerca del Bello nelle ‘pietre di scarto’; la riscoperta del mistero straordinario che si cela nella semplicità del quotidiano. La facoltà di avvertire “profumi di innamoramento nell’aria” induce l’Addamiano all’incanto, allo stupore. Lo sguardo d’artista coglie corrispondenze inusuali ed ecco materiali poveri prender forma tra le sue mani e arricchirsi di cromatismi festosi e, non di rado, di una levità sbarazzina. Molteplici le tematiche: si muove dallo scandaglio dei mille rivoli in cui si esprime il femminino, per poi approdare a motivi religiosi, una costante nella produzione dell’artista. La fede illumina l’esistenza, si concretizza in una sorta di angelologia del quotidiano, può riscattare in un solo istante un’intera vita di sofferenze. L’attenzione al sociale è un altro dei nodi focali dell’ispirazione dell’Addamiano: le povertà, reali e metaforiche, le situazioni di disagio, le minorità sono trasfigurate dallo sguardo attento e carico di pietas dell’autrice. Quarto ha saputo, in pochi minuti, enucleare i fondamenti concettuali che guidano la mano dell’artista molfettese. Un merito particolare va ascritto senz’altro a questa pittrice e scultrice, nella società dei clamori presenza umile e silenziosa, dotata di notevole forza espressiva.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet