Recupero Password
Le associazioni Eredi della storia e Anmig alle donne coraggiose eroine di Molfetta
La signora Gaudio con le vedove di guerra
08 marzo 2022

MOLFETTA - Il giorno 8 Marzo ricorre la Giornata Internazionale della Donna, ormai storica e consolidata ricorrenza a favore dell'universo femminile che ha dovuto sempre lottare per ottenere i propri diritti. Noi delle Associazioni Eredi della Storia e A.N.M.I.G., ricordiamo ogni anno le donne che si sono distinte nel corso delle guerre mondiali e che hanno lottato per emanciparsi dal modello di società patriarcale che ha dominato fino alla prima metà del XX secolo.

A fine Ottocento il movimento delle “Suffragette” pose al centro il problema della donna nella società e solo grazie all’avvento della Prima Guerra Mondiale ebbe effettivo compimento. Considerato l’altissimo numero di uomini impiegati al fronte, toccò alle donne colmare gli enormi vuoti lasciati dai combattenti che occupavano diversi campi del mondo del lavoro.

Molfetta subì il riflesso dei grandi eventi che sconvolsero sia l’Europa sia il mondo intero con le stragi compiute durante la prima e la seconda guerra mondiale. Molto critico per la città fu il periodo tra il 1943 ed il 1945.

Infatti Molfetta subì due bombardamenti, uno il 16 Agosto del 1943 (da parte dell’aviazione inglese) in via Giacomo Salepico angolo Galleria Patrioti molfettesi, in cui perse la vita la diciottenne Anna Sciancalepore per i traumi subiti dal bombardamento.

Il secondo bombardamento avvenne il 6 Novembre dello stesso anno (questa volta da parte dei nazisti) in via Capitano De Gennaro N° 17. Le vittime di quest’ultimo furono 6: Amato Margherita di 25 anni, Amato Angela di 6 anni, Amato Francesco di 4 anni, Amato Nicolò di 1 anno, Caputo Cosmo di 35 anni e De Candia Antonio di 2 anni. I corpi di 4 vittime furono trovati il giorno seguente sotto le macerie.

Molte donne rimasero vedove di guerra, e prive di mezzi di sostentamento, si dovettero rimboccare le maniche svolgendo i mestieri più umili. Grande fu l’opera del sindaco Gen. Luigi Amato che collaborando con le Associazioni Mutilati ed Invalidi di Guerra e Combattenti e Reduci, funzionando anche come patronati, aiutò molte donne a trovare un lavoro e a fornir loro le licenze di attività commerciali.

Altre famiglie furono aiutate con le prime forme di strumenti di welfare come i buoni alimentari.

In rappresentanza di tutte le donne vogliamo ricordare le più coraggiose di Molfetta: Gaudio Antonia (ved. Armenio, deceduta nel 1998) che è stata presidentessa dell’Associazione Vedove e Orfani di Guerra e si è sempre prodigata per il volontariato aiutando i più deboli, tanto da ricevere una medaglia con attestato di benemerenza, Albanese Maria Pace, Albanese Vincenza, Altomare Raffaella, Amoruso Maria Messina, Anelli Angela, Centrone Carmela Antonia, Arces Maria Francesca, Belgiovine Maria, Bucci Anna, Capurso Giuseppa Annunziata, Colaprice Anna Guerriera, Coppolecchia Rosa Vincenza, Cuocci Rosa, De Bari Maria Corrada, De Candia Maria, De Nichilo Chiara, De Palma Chiara, De Pinto Maria Giuseppa, De Tullio Marianna, Gadaleta Giuseppina che dedicò la vita alla manutenzione della cappella cimiteriale, Inglese Maria Carmela, Lapomarda Angela, Mastropasqua Pasqua,Murolo Lucia, Pisani Chiara, Pisani Marta Maria, Primaro Grazia, Ragno Damiana, Rubini Francesca, Vernola Maria.

Rammentiamo anche l’ostetrica Ignazia Armenio conosciuta come “memmer trsor” che fu la mamma di tanti bambini molfettesi e che aiutò molte donne durante il periodo della gravidanza e per l’allattamento dei neonati.

Per troppo tempo, inoltre, è stato dimenticato un eccidio avvenuto il 7 Maggio del 1945, in cui persero la vita le due giovanissime sorelle de Bari Giacomina e Antonia, vittime innocenti di un attentato politico. Ricordiamo soprattutto le donne vittime della violenza dei soldati occupanti, che portò molte di loro al suicidio e altre a lasciare i propri figli, frutti di violenze, presso gli orfanotrofi e ad abbandonare la propria città per la vergogna, sposando per procura uomini che non conoscevano e non amavano perché ingannate da false foto. Il certosino lavoro di ricerca dell’Associazione Eredi della Storia sta dando il giusto riconoscimento a queste donne, tanto da aver fatto intotale una strada della nostra città proprio alle due sorelline de Bari. Le ultime parole di esse furono: “I segreti che ci siamo portate nel cuore ci hanno uccise ogni giorno, soprattutto perché dimenticate da chi per tanti anni, colpevolmente, ha nascosto la verità.”

In occasione di questa ricorrenza, nelle domeniche 6 e13 Marzo presso la sede A.N.M.I.G. – Eredi della Storia di piazza Mazzini N° 92, dalle ore 11 alle 13, sarà allestita una mostra dal titolo “La donna di cuori” che rimarrà visitabile per chiunque vorrà. In quella circostanza sarà abbrunata la bandiera con un fiocco nero e rimarrà così fino a quando non sarà cessato il fuoco in Ucraina (proprio come fece il professor Pantaleo Carabellese, presidente dell’associazione Combattenti e Reduci, che incappucciò la Nike del monumento ai caduti fino a quando Trieste non divenne italiana).

Con l’auspicio che l’otto Marzo sia giornata della donna e di speranza, ci uniamo al dolore che sta colpendo il popolo ucraino, soprattutto donne, bambini e anziani, vittime innocenti di una guerra ingiusta; che per fuggire a quelle atrocità sono costrette a scappare in altri paesi, per lunghe ed estenuanti ore di viaggio pur di mettere in salvo i propri figli e se stesse.

 “Ogni guerra lascia il mondo peggiore di come lo ha trovato. La guerra è un fallimento della politica e dell’Umanità, una resa vergognosa, una sconfitta di fronte alle forze del male”

Papa Francesco

Le Associazioni Eredi della Storia e ANMIG

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet