Recupero Password
La Molfetta Volley supera "lo scoglio" del Trani
09 dicembre 2009

MOLFETTA - Confronto tra due squadre che, non avendo voglia di arrendersi al proprio avversario, hanno dato vita ad un'adrenalinica sfida. Due set "chiusi a 27" ma tutti quanti giocati "punto su punto"; le biancorosse hanno vinto grazie alla maggiore determinazione che ha fatto la differenza sul tasso tecnico messo in campo dalle due squadre.
La partita ha mostrato una Molfetta Volley concreta nei momenti salienti dell'incontro. In casa molfettese si temeva questo match perchè in precampionato il Trani aveva messo in evidenza alcune pecche difensive della nostra squadra e le aveva sicuramente memorizzate; così nel primo set, la vittoria per la squadra ospite è stata l'affermazione di un gioco sciorinato con una quantità industriale di palle piazzate in "zona di conflitto" biancorossa e di una perfetta esecuzione delle battute rispetto alle cinque sbagliate dalle nostre ragazze, tutto questo senza rinunciare ad attaccare quando necessario.
Questo set registra "l'apprensione" per le palleggiatrici: per prima Serena Abbattista rischia di farsi veramente male durante un'azione di gioco e, se pur menomata nei movimenti, rimane stoicamente in campo e poi, Silvia Cozzolino, esce improvvisamente dal campo per "debito di ossigeno" causa bronchite. La sua sostituzione non modifica il "tema tattico", il Trani anzi, recupera, sorpassa e vince per 25 a 27.
Al rientro in campo Sara De Biase e squadra hanno capito l'impegno che devono affrontare in difesa, mentre l'attacco, pur mantenendo la sua efficacia, è infastidito dal muro avversario. Carla Sgherza "sonda" con il pallonetto il campo avversario e Raffaella Ayroldi prova a tagliarlo in diagonale ma la difesa biancoceleste "c'è" e gli scambi si allungano. Marica Romano e Marzia de Gennaro lavorano con impegno per "arginare e colpire" ma è proprio la Romano, ricordandosi di avere un buon potenziale in battuta, colei che consente l'allungo sulle avversarie e la vittoria del secondo set.
Nei successivi set un Trani meno razionale e più falloso accentua la ricerca del punto in attacco, la Molfetta Volley "risponde" e nel finale dei set Serena Abbattista cerca ripetutamente Francesca Campanale che impone la sua "prepotenza" e apre le maglie di una difesa che non ha niente da recriminarsi se non il fatto di non aver saputo reggere fino in fondo. Nell'urlo finale della compagine molfettese c'è la certezza di aver "portato in porto" una partita risultata difficile così come si prevedeva. Molfetta Volley 3, Accademia dello Sport 1 (25-27, 25-21, 27-25, 25-22).
L'armo della piccola "paranza" molfettese supera quello che rappresentava uno scoglio, ma non può però rilassarsi, deve continuare a "tenere" la vela al vento se vuole recuperare acqua, in questa partita ha rischiato di perdere il timone e un altro "scoglio", quello del Progetto Aspav/Florens della palleggiatrice Rodriguez è già in vista domenica prossima fuoricasa a Valenzano.

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet