Recupero Password
L'artigiano va in pensione e non ha eredi? Gli succede l'immigrato Worskhop finale del progetto Nisia, per favorire la successione degli immigrati nelle imprese artigianali. Domani ore 10 Camera di commercio di Bari
29 novembre 2007

BARI - Favorire il passaggio di consegne nelle imprese artigianali senza “eredi” o acquirenti che altrimenti, per assenza di successori, sarebbero costrette a chiudere. Ma anche promuovere la cultura dell'integrazione e dell'accoglienza, consentendo il subentro nelle stesse imprese dei lavoratori immigrati con competenze professionali specifiche. Sono gli obiettivi del progetto Nisia (NeoimprenditoriImmigratiSubentroImpreseArtigiane) curato dall'Ifoc, azienda speciale della Camera di Commercio di Bari e promosso dal ministero del Lavoro nell'ambito dell'iniziativa comunitaria Equal, in collaborazione con Retecamere. Domani, venerdì 30 alle ore 10 presso l'ente camerale barese (sala verde) si terrà il workshop finale dell'iniziativa. Vi parteciperanno, tra gli altri, l'on. Antonio La forgia – vice presidente della Camera di Commercio di Bari, Michele Portincasa – CISCAI Bari, Paolo Belloc, direttore generale ISRI. Il progetto Nisia ha interessato le città di Roma, Genova e Bari. Nel capoluogo pugliese Ifoc ha formato alla cultura di impresa quindici operatori immigrati e, in collaborazione con Cna e Confartigianato, ha monitorato le aziende artigiane destinate a chiudere i battenti per raggiunti limiti di età del titolare e per assenza di successori. “Circa il 5% del 1.1250.000 di artigiani che opera in Italia ha un'età superiore a 65 anni e - spiega il presidente dell'IFOC, Piero di Cillo – e l'uscita di scena dell'imprenditore artigiano oltre che una perdita di risorse per il territorio legate all'attività economica in sé, rischia di far estinguere definitivamente un'esperienza, un contenuto di sapere e creatività che va necessariamente custodito e tramandato. Di qui il progetto Nisia favorevole anche all'integrazione sociale degli immigrati che hanno una maestria da spendere e che possono cosi subentrare ad attività altrimenti destinate a chiudere”. Il piccolo artigianato in Provincia Bari sarà quindi al centro della discussione della giornata. Saranno affrontati il problema del passaggio generazionale, le linee di intervento attuali e le prospettive future, l'opportunità offerta dallo sviluppo dell'impresa artigiana tra cittadini immigrati, il passaggio generazionale nell'artigianato, con esempi di buone pratiche in Europa e in Italia.
Autore: Domenico Sarrocco
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet