Recupero Password
Il candidato sindaco del centrosinistra Lillino Drago scrive alla sua Molfetta: “Ti parlo come un figlio alla madre”
Lillino Drago
18 aprile 2022

MOLFETTA - “Cara Molfetta, ti parlo come un figlio parlerebbe a sua madre”. È questo l’incipit della lettera che Lillino Drago ha rivolto direttamente alla sua città per spiegare le motivazioni più profonde della sua scelta di candidarsi a sindaco, e che è stata pubblicata nelle scorse ore sul suo nuovo profilo social (https://www.facebook.com/lillinodragosindaco), ottenendo in poche ore centinaia di visualizzazioni.

“Il mio sguardo – prosegue il candidato sindaco del centrosinistra nella sua lettera alla città – si posa su di te con immutato amore e con dedizione. Sono nato e vissuto nella zona del porto nel quale era attraccata ‘Santarella’, il peschereccio a vela di mio nonno Pasquale. Dispiace vedere che oggi l’area dei cantieri è degradata e priva di un progetto che parli della sua storia legata al mare e alle sue attività.

Il gradevole sciabordio del mare e gli struggenti tramonti che da sempre accompagnano le nostre vite ci riportano alla grande marineria e alla valente tradizione dei nostri maestri d'ascia che vedono ancora le imbarcazioni solcare i mari del mondo”.

Poi Lillino Drago tratteggia il suo percorso di vita, indissolubilmente legato a Molfetta, dall’impegno giovanile in ambito sportivo sino a quello in magistratura che lo ha portato a combattere in prima persona contro le organizzazioni criminali presenti anche nella nostra città: “Sono figlio di questa terra. Qui ho studiato, qui ho i miei affetti familiari e le amicizie più durature. La mia adolescenza e giovinezza - trascorse sui campi di calcio prima e di basket, poi - mi hanno insegnato il rispetto delle regole e soprattutto il gioco di squadra. Indossando la toga da magistrato e giurando sulla Costituzione della Repubblica Italiana, ho definitivamente aderito ai valori dell'etica e della giustizia sociale ereditati da mio nonno materno, Michele Nuovo, antifascista e socialista che insieme a suo fratello Carmine ha sempre contestato le brutture del regime. Come sempre ripeto, non mi è stato concesso di lavorare a Molfetta, ma non ho mai mancato di ???????????????? ?????? ????????????????. Ho contribuito ad estirpare il traffico di droga che aveva piegato la nostra città e ho messo ogni impegno per rendere la legalità un modo di vivere e ridare spazio ai diritti e non ai favori”.

“Cara Molfetta, sono marito e padre e so bene quanta fatica fa ogni famiglia per assicurare ai propri figli un futuro nella propria terra. Noi genitori li alleviamo e diamo loro il nostro affetto incondizionato sperando di non vederli andar via. La nostra comunità invece è la prima tra quelle pugliesi ad avere il più alto numero di giovani che lasciano la città alla ricerca di lavoro al nord e fuori dall’Italia. Abbiamo il dovere, quali costruttori dell’avvenire dei nostri giovani, di impegnarci a fondo per bloccare la fuga dei cervelli, creando possibilità di lavoro in questa meravigliosa città.

Una Città che ha visto grandi protagonisti e che oggi mostra tutte le sue ferite e le sue fratture.”

Poi Lillino Drago volge lo sguardo al futuro, a quello che serve a Molfetta per rilanciarsi e tornare a offrire opportunità di crescita e di sviluppo per i suoi cittadini: “Noi vogliamo ricucire gli strappi e creare una rete, con la pazienza e la tenacia dei nostri pescatori che col vento o il sole a picco non si risparmiavano nel loro lavoro. Abbiamo bisogno di disegnare un nuovo orizzonte per Molfetta. Vogliamo prendere per mano i piccoli e farli crescere nella nuova città. Pulita e accogliente. Una città aperta ai turisti e chiusa alla delinquenza di ogni genere. Una città inclusiva e solidale che non lasci indietro nessuno, dai poveri agli emarginati, dai diversamente abili agli anziani. Una città sostenibile e ambientalista, a misura di tutti. Una città finalmente libera”.

“Molfetta tornerà a risplendere – è la promessa di Lillino Drago e di tutti coloro che sostengono la sua candidatura – Ne siamo certi. ???????????????? ???????????? ????????????????”.

 

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet