Recupero Password
I riti della Settimana Santa di Molfetta alla Bit di Milano Dal 22 al 25 febbraio. L'iniziativa è stata voluta dall'Arciconfraternita della Morte. Negli stand del Cotup (Consorzio degli operatori turistici della Puglia) e della Regione Puglia nel capoluogo lombardo, sarà presente una postazione con hostess, cartellonistica, totem e materiale informativo
16 febbraio 2007

MOLFETTA - Settimana Santa a Molfetta, questo il progetto per la valorizzazione dei riti della Pasqua che a Molfetta hanno conservato negli anni la genuinità e l'autenticità tipica della religiosità popolare più vera. Tutto questo con una azione mirata che punta anche alla promozione del territorio e delle sue specificità. Martedì prossimo, alle 11.30, nell'Aula Magna del Seminario vescovile, sarà presentato alla stampa il progetto di comunicazione denominato “Settimana Santa a Molfetta”, con la partecipazione di Mons. Luigi Martella, vescovo della Diocesi, del dott. Francesco Stanzione, priore dell'Arciconfraternita della Morte, dell'ingegner Michele Balacco, console Touring Club Italiano, di Gaetano Armenio, responsabile US Comunicazione. Per l'occasione sarà presentato anche il sito web: www.settimanasantamolfetta.it, realizzato da Xenia Alle 18.30, sempre nell'aula magna del Seminario vescovile, alla presenza dell'assessore provinciale al turismo, avv. Sebastiano De Feudis, il progetto sarà presentato alle autorità e al pubblico. L'intera iniziativa è stata realizzata, su sollecitazione dei vertici dell'Arciconfraternita della Morte, da Us Comunicazione e dal Touring Club Italiano-Corpo consolare della Puglia. La prima fase del progetto, prevede la presenta alla Bit a Rho (Mi) dal 22 al 25 febbraio. Negli stand del Cotup (Consorzio degli operatori turistici della Puglia), e della Regione Puglia, sarà presente una postazione con hostess, cartellonistica, totem e materiale informativo relativo alle processioni che caratterizzano la Settimana Santa a Molfetta e alle peculiarità del territorio (siti da visitare, monumenti, storia delle tradizioni, gastronomia ecc.). Contemporaneamente sarà attivata sul numero telefonico 080.3381998 una linea diretta con Molfetta che servirà da punto di raccordo tra i turisti, i pellegrini e il territorio. A marzo, per l'intero mese, nell'aeroporto di Bari-Palese, sarà presente uno stand promozionale con pennellature mobili che illustreranno i momenti salienti degli eventi che caratterizzano la Settimana Santa. Anche in quella sede saranno presenti hostess che distribuiranno, a chi ne farà richiesta, materiale informativo. Ad aprile nella sede dell'Arciconfraternita sarà allestito un info-point e un punto di accoglienza per i pellegrini e per i turisti che intendono assistere alle processioni della Settimana Santa e che aderiranno al calendario di eventi predisposto per l'occasione che prevede visite guidate, conferenze a tema, mostre d'arte, possibilità di assistere, a richiesta, all'asta del pesce che si tiene, all'alba, nel mercato ittico all'ingrosso alla presenza di astatori, urlatori e pescatori. Presso la stessa sede saranno distribuiti opuscoli che raccontano la storia della città e dei riti della Settimana Santa, delle Confraternite, della cucina, del territorio. L'intera iniziativa è stata realizzata con capitali privati e il supporto di imprenditori che hanno investito in proprio: Cattolica popolare, Rifindecor, Remec, Topservice.com, Garden Hotel, Oleificio coopertivo, Azienda grafica L'Immagine. Suggestione, fede e tradizione sono gli elementi che, anche a Molfetta, caratterizzano i riti della Settimana Santa. Riti antichi che continuano a suscitare forti emozioni. Le due settimane che precedono la Pasqua, e più in generale tutto il periodo quaresimale, vengono vissute in modo davvero intenso. I riti quaresimali si aprono la notte tra l'ultimo giorno di carnevale ed il mercoledì delle ceneri con la Processione della Croce, organizzata dall'Arciconfraternita della Morte. Le campane della Cattedrale suonano 33 rintocchi. Subito dopo dalla Chiesa del Purgatorio parte la Processione che, accompagnata dalla bassa musica, alla luce delle fiaccole, portate dai confratelli, dopo aver girato le principali vie della città si conclude sui gradini del Calvario, nei pressi della villa comunale. Il venerdì che precede la domenica delle Palme la magia si rinnova con la processione dell'Addolorata portata a spalla dai confratelli dell'Arciconfraternita della Morte. La processione è accompagnata dalla bassa musica che esegue marce funebri di struggente intensità. La Domenica delle Palme conserva un suo fascino e non solo perchè introduce alla Settimana Santa. E' in questo giorno che le pie donne danno vita alla tradizionale Vestizione della Pietà, statua che chiuderà la processione del Sabato Santo, preceduta il venerdì da quella notturna dei Misteri, e, di fatto, chiude tutte le processioni. A fondersi in un unicum sono riti tramandati gelosamente di padre in figlio e legati tra loro: il dondolio dei portatori, le espressioni drammatiche dei simulacri portati in processione, le note delle marce funebri, le luci, il profumo dei fiori e dei ceri e l'aria primaverile. Elementi che, da sempre, a Molfetta, accompagnano le processioni della Settimana Santa.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet