Recupero Password
Enzo de Cosmo: quella volta che gli cedetti la fascia tricolore di sindaco
15 dicembre 2011

Alcuni giorni fa avevo reso visita al caro Sandro Fiore, con il permesso della Sig. ra Teresa, per poterLo riabbracciare prima che ci lasciasse: fi nisce un’epoca della storia politico democratica di Molfetta, quella dei personaggi delle contrapposizioni ideologiche e politiche ma della costruzione democratica e sociale della vostra Città, la Città, avantieri, di Gaetano Salvemini, ieri di Matteo Altomare, Zagami, Massari, Boccardi, Boff oli, Beniamino Finocchiaro, Sandro Fiore, Morgese e Donato De Bari ed i “vecchi giovani” come chi scrive e Lillino Di Gioia. A proposito di questi ultimi, conobbi, alla fi ne degli anni ‘50 ed i primi anni ‘60, appena iscritto al Movimento Giovanile della DC, dopo gli anni dell’impegno giovanile in Azione Cattolica con Tonino Salvemini, Sandrino, durante i comizi-contrapposizione con Vincenzo Zagami quando ambedue erano rappresentanti autorevoli della Provincia, il primo nell’Opposizione e l’altro nell’Amministrazione Provinciale con Matteo Fantasia Presidente. Uno fra tutti, il ricordo della costruzione della strada provinciale Molfetta-Ruvo fermamente voluta da Zagami:contrapposizioni sì, ma non a caso la famiglia Zagami, alcuni anni fa, volle affi dare a Sandro Fiore, giustamente, la commemorazione del proprio congiunto a Palazzo Giovene, organizzata dalla Civica Amministrazione. Indimenticabili, poi, le elezioni politiche e quelle amministrative degli anni ‘60 alle quali partecipavo come attivista dirigente giovanile democristiano: i timori per le capacità non soltanto oratorie, ma soprattutto organizzative e di “presa” sulla popolazione elettorale, capacità di Sandro Fiore a Piazza Mazzini ed a Piazza Paradiso (ex “mercato vecchio”)! E poi gli anni ‘70, quando entrai in Consiglio Comunale e successivamente da Sindaco: le mie preoccupazioni - lo confesso - riguardavano i due leader dell’opposizione sociai comunista Finocchiaro e Fiore. Devo al primo lo stimolo nel cercare di fare di più, nella realizzazione delle opere cittadine - come mi chiedeva l’ex capo gruppo della DC Lillino Di Gioia - ed al secondo, Sandro Fiore, la “comprensione umana”, quasi fraterna che si realizzò soprattutto nelle visite ai “Molfettesi nel Mondo” ad Hoboken, Buenos Aires alla “Boca” dell’Argentina, insieme a Rodolfo Caputi ed all’indimenticabile Vescovo Don Tonino Bello. Fu in queste occasioni storiche che scoprii l’umanità, la formazione autenticamente popolare di Fiore. Ricordo, appunto, che ero solito, da Sindaco della Città, quando si doveva andare in quelle terre di emigrazione dei nostri concittadini nelle occasioni delle famose feste della Madonna dei Martiri con la benemerita Associazione “Molfettesi nel Mondo”, farmi accompagnare - in visita uffi ciale ed a seguito di determinazione del Consiglio Comunale - dal Rappresentante anche dell’opposizione, per l’appunto il Consigliere Dott. Fiore! Tantè che in Argentina, al quartiere della “Boca - il più popolato da emigrati molfettesi (cosa che ci fece meritare, grazie soprattutto alle capacità organizzative del Presidente dei “Molfettesi nel Mondo” Rodolfo Caputi, la visita uffi ciale al Presidente della Repubblica argentina dell’epoca Alfonsin, insieme - e ovvio - a Don Tonino Bello), dicevo, in Argentina, decidemmo insieme al rappresentante dell’opposizione consigliare Fiore di assicurare, anche per gli anni successivi, salvo successiva delibera del Consiglio Comunale di Molfetta, un viaggio gratuito andata e ritorno in aereo a Molfetta, nell’occasione della Festa dell’8 settembre, a due coppie di coniugi, fra i più anziani, a sorteggio! Mentre, l’episodio indimenticabile che voglio descrivere e che ho ricordato al caro Sandrino giorni fa sul suo letto delle ultime ore, insieme alla Signora Teresa, - e rilevando la sua commozione estrema con il ricordo attraverso le sue labbra, di Don Tonino, - la Festa della Madonna dei Martiri ad Hoboken nell’anno - credo - ‘85 o ‘86. Su sollecitazione ed invito di Don Tonino, io e Sandrino, accompagnati dalle nostre Signore ci recammo alcune sere precedenti la Festa, alla “novena” nella Chiesa Madre di Hoboken, per l’appunto. Aff ollatissima di molfettesi emigrati, accomodati nelle prime fi la, colsi dietro di me alcune parole in dialetto molfettese di qualche signora: “naah, cuure è Sandrine Fioore, u sinneche nen sache coome se chieeme”. Conoscevano più Fiore che me!!. E fu così che alla processione, in un torrido pomeriggio, dietro il simulacro della Vergine Santissima dei Martiri, preceduta dal Vescovo Don Tonino che salutava aff ettuosamente i tantissimi emigrati molfettesi, io con la fascia tricolore (allora era circolare) e Fiore alla mia destra, accompagnati dalle rispettive Signore, mi inventai la scusa che avevo troppo caldo e che desideravo lasciare la Processione per qualche ora per andare in albergo per una doccia fresca per poi ritornare verso la “ritirata”! Fu così che decisi di togliermi la fascia tricolore e cingere i fi anchi di Fiore, affi dando così al Consigliere autorevole dell’opposizione Fiore, la rappresentanza uffi ciale della Città di Molfetta. Quanta commozione e sorpresa in Sandrino, quando gli dissi che toccava a Lui fare il Sindaco di Molfetta (immaginate, a quell’epoca, un comunista, bravo e popolare, certamente anche “devoto” alla Madonna dei Martiri!) Quando gliel’ho ricordato l’altro giorno, insieme alla Signora Teresa, forse Sandro, prima di lasciarci defi nitivamente, si è tanto commosso, balbettando - per quel po’ che poteva - il nome di “Don Tonino”!

Autore: Enzo de Cosmo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet