Recupero Password
Corteo del 3 marzo: verità e giustizia per Molfetta
05 marzo 2012

MOLFETTA - Un filosofo francese, Pascal Engel, ammetteva di essere molto stupito, quando seguiva le lezioni di Michel Foucault al Collège de France negli anni Settanta, di sentirlo spiegare che la nozione di verità era soltanto lo strumento del potere e che, essendo ogni potere malvagio, la verità poteva essere soltanto l’espressione di una volontà maligna, e di ritrovarlo poi nelle manifestazioni, dietro agli striscioni, a richiedere “Verità e giustizia”.
E’ un paradosso da cui ho anch’io qualche difficoltà ad uscire. Ma, a mio parere, la verità è definita dall’orizzonte storico in cui siamo immersi, che segna il reticolo delle relazioni, rappresenta l’ambito di senso di una comunità. Quella stessa comunità lacerata dalla morte, 4 anni fa, di 5 lavoratori. Quella tragedia ha segnato il tessuto della comunità, violando le regole fondamentali che ne strutturano i rapporti essenziali.
Richiedere verità significa allora riconoscere che le regole stesse su cui si fonda la nostra convivenza in una comunità sono state demolite, e che tale ferita si prolunga in una sentenza che continua ad oltraggiare i presupposti essenziali dell’essere-in-comune. Perché il lavoro di ciascuno è il modo per dire se stessi, per costruire qualcosa che ci lega agli altri, fino a immergerci in uno spirito che è il nocciolo imprescindibile di una comunità. Al di fuori di quei presupposti, quando il lavoro è degradato e trascina con sé la vita umana, sono quegli stessi rapporti a lacerarsi, ad immetterci su un filo precario in cui la comunità perde sé stessa.

E allora questa comunità ieri mattina si è ritrovata in quei 5 lavoratori, ha affermato il valore del lavoro e della vita nella partecipazione numerosa di studenti interessati e di associazioni, di sindacati e partiti. Di quei cittadini che vedono nella verità e nella giustizia la condizione imprescindibile per continuare a condividere lo spazio vitale in cui siamo tutti in gioco. La Molfetta che ha partecipato al corteo del 3 Marzo è la Molfetta che crede che la morte di 5 lavoratori sul posto di lavoro sia la messa in discussione più pericolosa della nostra stessa convivenza, e della nostra possibilità di dirci comunità.
Questo è il senso profondo di una manifestazione e il prezzo è troppo alto per strumentalizzazioni e banali provocazioni, che rischiano solo di farci tornare al di qua della posta in gioco.
Se è vero, come scriveva Holderlin, che “là dove c’è il pericolo, cresce anche ciò che ci salva”, la morte di 5 lavoratori molfettesi è oggi parte integrante dell’identità di questa città, che cerca adesso di ricominciare, per ottenere verità e giustizia. Ora e sempre.
 
© Riproduzione riservata
 
Autore: Giacomo Pisani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Li abbiamo già dimenticati, gli Occhinegro, i Sindaco, i Perrini, Vito Antonio Rafanelli e tutti gli altri: “morti fisiologiche”, così definiti. La forbice taglia gli sprechi, ma pare vada ben oltre. Fisiologico è il modo di porsi nei confronti della mano d'opera. Fisiologiche le conseguenze quando l'utile la fa da padrone. Il traguardo allora da indicare per i nostri politici è, almeno a parole, un lavoro sicuro. In Svezia, un'operaia ha bloccato la produzione nella sua fabbrica perché ha segnalato delle mancanze nel sistema di sicurezza. Alcuni colleghi l'hanno accusata di aver esagerato, ma l'ispettore del lavoro le ha dato ragione e la produzione è ripresa solo dopo aver sistemato la falla nella sicurezza. Sentite come è andata a un operaio nella fonderia Officine Pilenga di Comun Nuovo nel bergamasco. Avendo segnalato ai suoi capi condizioni rischiose per i lavoratori, è stato accusato di mobbing per aver messo a rischio la salute del suo caporeparto: sospesa tre giorni dal lavoro senza stipendio. E a nulla è valsa la denuncia del responsabile per la sicurezza dell'azienda, Valter Albani, sindacalista Cgil. Nel suo reparto officina, dove operano torni, frese e foratori, questo lavoratore, diligente e con alta professionalità, ha cominciato a segnalare ai responsabili condizioni di pericolo oggettivo: mancanza di carter, sistemi di purificazioni dei vapori non funzionanti, olio e acqua chimica sul pavimento. Risultato: nessuno. Così il dipendente ha deciso di evidenziare i problemi sugli spazi liberi dei fogli di produzione giornalieri che devono essere compilati a ogni turno. L'effetto in questo caso c'è stato: L'uomo è stato convocato dal caporeparto: “Gli è stato detto che non era quello il modo di segnalare i rischi. Bisogna farlo verbalmente, o tramite apposite schede, che però io non ho mai visto”, spiega Albani. Niente scandalo in Italia, non siamo svedesi……….( Tratto da: Voglia di cambiare – Salvatore Giannella – 2008 )


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet