Recupero Password
Una vera festa in maschera per le strade della città Successo della 45° edizione del carnevale molfettese
15 marzo 2004

Un Carnevale, quello molfettese che ha visto la partecipazione di molta gente che nonostante il cattivo tempo (soprattutto la domenica) non si è lasciata intimorire e si è goduta dei pomeriggi di vera festa. Un'edizione davvero varia dove scuole, gruppi di danza, cartapestai hanno avuto modo di mostrare i frutti di un lavoro che ha richiesto per tutti una mole di tempo non indifferente. E tutti sono stati protagonisti. In sfilata, preceduta dal corteo degli sbandieratori, erano rappresentati i temi più differenti a cominciare dalle scuole e da bambini instancabili e divertiti. Si spaziava dal made in Italy alla Divina Commedia fino alla storia del pane. Straordinaria anche la presenza di piccolissimi. Per aumentare i momenti di scambio fra le scuole è stato messo a disposizione il Palazzetto “don Sturzo”, così l'iniziativa del Comitato del Carnevale ha riscontrato un buon successo. Il Veglioncino dei bambini ha raddoppiato l'intensità della festa per la gioia anche di genitori e di quanti, hanno voluto, con animo da Peter Pan, vivere momenti di pura e disincantata allegria apprezzando l'impegno dei bimbi. Alla sfilata dei carri e dei gruppi mascherati non sono mancati momenti di sensibilizzazione sociale con un gruppo di disabili, travestiti con un tipico costume veneziano. Insostituibili, ancora, i carri allegorici costruiti dai nostri cartapestai in via di estinzione. Nel carro sull' amministrazione comunale (“il paese dei balocchi”) tra i personaggi, Tommaso Minervini non è mai stato così bello; in rilievo anche gli eterni dilemmi che attanagliano la nostra città: il porto, il preventorio, le spiaggie. Sul tema sociale era incentrato il carro “Sì al ballo no allo sballo”, perché l'euforia deve essere sempre vissuta con lucidità. Di ispirazione fantastica “Voleranno ancora i nostri eroi”, un aereoplano che riuniva gli eroi dei cartoni, i personaggi buoni, un inno alla positività e all'infanzia. Fuori concorso il carro di Putignano “Giovani mascherati, suonateli voi”. Note di colore e di musica, quelle del Carnevale, che hanno sicuramente divertito e alleggerito delle grigie giornate d'inverno, riscaldando anche i cuori dei non più giovani. L'appuntamento è per l'anno prossimo, il Comitato prevede ancora sorprese. Laura Amoruso
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet