Recupero Password
Una città sempre più sporca
15 novembre 2002

Caro Direttore, dovevo scriverle già da qualche mese, ma ho aspettato nella speranza che le cose potessero cambiare. Invece nulla. La nostra città è sempre più sporca. Un fatto veramente deplorevole, se si pensa che quest'estate sono venuti alcuni miei parenti che vivono al Nord e sono rimasti colpiti da questo degrado. Prima non era così. Speravo che l'amministrazione comunale provvedesse in qualche modo, ma le cose sono rimaste immutate. Tra l'altro la cosa che mi sembra più strana è che lo stesso sindaco attuale, Tommaso Minervini, quando era nel centro-sinistra e ricopriva il ruolo di presidente dell'Amnu era riuscito a rendere veramente pulita questa città. Come mai ora che è sindaco non ci riesce? Non posso pensare che si tratti di una cultura della destra, perché la pulizia non ha colore: è linda. Anche le spazzatrici automatiche, che hanno ridotto il lavoro del personale, si sono rivelate un mezzo flop, puliscono in maniera superficiale. Rivolgo un appello al sindaco, tramite "Quindici" perché non mi debba più vergognare di essere cittadina di una città lurida. Angela Petruzzella La ringrazio della segnalazione, che per la verità, è una delle tante che ci sono pervenute in questi mesi. Concordiamo con lei sullo stato delle nostre strade e piazze, che è veramente indecente. E ricordiamo anche un altro fenomeno antipatico: quello dello svuotamento dei cassonetti che avviene in pieno giorno e nelle ore di punta, bloccando intere strade centrali e intasando ancora di più un traffico ormai al limite della sopportazione. Perché non si provvede a questa operazione nelle ore notturne, come avviene in tante altre città italiane? Al presidente dell'Asm, Annese, che ha tanto lottato per ottenere quel posto, vorremmo ricordare che presiedere una società non è solo occupare una poltrona, ma dimostrare capacità gestionali, finora non dimostrate o che quantomeno non appaiono all'esterno. Sono questi i misteri dell'amministrazione di centrodestra, ma sono anche gli interrogativi che ogni cittadini si pone. Ma dal palazzo non arriva nessuna risposta: sono troppo occupati a parlare di sottogoverno, di visibilità, di rimpasti. Di poltrone, insomma. E la città aspetta, nella sporcizia.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
La signora Petruzzella si è data una risposta da sè: infatti il Sindaco non deve certo andare lui a raccogliere spazzatura, per questo ci sono un Presidente ASM, un direttore che è Binetti, e 102 dipendenti (come recita il sito ASM) oltre a revisori, contabili, magna magna e via dicendo. Invece di lamentarsi faccia come me: quando c'è della spazzatura per strada non raccolta chiamo il numero verde ASM e loro raccolgono la segnalazione e la ritirano. Prima di rimproverare ulteriormente la signora faccio un appunto a Quindici: alla 167 i cassetti vengono svuotati dalla mezzanotte alle quattro (di notte), e mi risulta, da amici che ci abitano, che la stessa cosa avviene vicino i Cappuccini. Dove allora viene raccolta di giorno? Infine il rimprovero alla Signora: premesso che se si vergogna di essere molfettese può andare anche lei..... ad un altro paese... e magari potrà accogliere i suoi parenti nordisti allo Sheraton a Bari o all'Hotel Villa a Bisceglie; così almeno farà bella figura. Secondo: lei dimentica che vive in una città sporca per natura (ancora una volta le ricordo che lo diceva Gaetano Salvemini nelle sue Opere, circa 100 anni fa); per farle qualche lurido esempio le ricordo che spesso le sarà capitato di vedere per strada lavatrici buttate, materassi e scifezze varie pur facendo l'Asm raccolta di stè cose a domicilio. E le ricordo dei suoi concittadini che fino a due anni fa, ma ancor oggi, lanciano la spazzatura dal 4° piano per non scendere giù a buttarla, con evidenti conseguenze sulla pulizia urbana. Lei cara signora vive in un paese (che è il mio) pieno di grezzi, cafoni (come diceva Finocchiaro), ricottari, razzina e via dicendo. Se ne faccia una ragione e lasci stare il sindaco, se lo immagina con la scopa in mano alle cinque di mattina a pulire la Città? Quando i Molfettesi smetteranno di dare la colpa agli altri per le loro sventure e si rimboccheranno le maniche allora si vedrà un nuovo mondo.
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet