Recupero Password
Un testardaccio che non riconosceva mai di aver sbagliato Lillino Di Gioia
15 settembre 2003

È per me difficile scrivere in ricordo di Beniamino Finocchiaro. Non mi assocerò certamente al coro di quanti, post mortem, si affanneranno in lodi sperticate e gratuite, avendo buona parte dello stesso coro suonato uno spartito a base di critiche, maldicenze e cattiverie. Beniamino Finocchiaro era Beniamino Finocchiaro: grande massa celebrale, profonda cultura, grande passione morale e civica unitamente ad un carattere volutamente ostico, un testardaccio mai disponibile a riconoscere di aver sbagliato, generoso con pochi, arrogante con tanti. Io credo, da avversario politico intransigente, di essere stato rispettato più di tantissimi adulatori e di avergli, reciprocamente, portato rispetto. Forse troppo pieno di sé (“un uomo, una città”, il suo slogan elettorale), comunque una grande personalità al servizio delle istituzioni e di Molfetta. Battagliere ed indomito sino all'ultimo giorno, il suo testamento morale e politico è sulle mura della nostra città e nei suoi scritti: una città allo sfascio, un sindaco versipelle. Gli uomini di buona volontà faranno di tutto per esaudire questo suo ultimo desiderio, contrastando ed eliminando questa amministrazione e questo sindaco, ridando dignità alla nostra comunità. Lillino Di Gioia
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet